domenica 28 dicembre 2008

uomini e no

i non uomini sono i criminali del governo israeliano, i rabbini che hanno concesso dispensa all'esercito per massacrare di sabato, i soldati che hanno ucciso, l'82% di israeliani che supporta i massacri, il governo egiziano che ha teso la trappola ad Hamas facendo in modo da moltiplicare i morti (link), i pacifinti della trimurti della letteratura israeliana, sempre pronti a schierarsi a favore dei massacri del proprio esercito, chiunque a sinistra giustifichi i crimini contro l'umanità di Israele. Che lo facciano i fascisti è naturale, che lo faccia chi si reputa di sinistra è un insulto alle vittime e alla sinistra stessa, ergo è doppiamente colpevole.
Gli uomini sono loro, che hanno il coraggio di volere la pace, che non è lo sterminio, ma la convivenza:
Gilad Atzmon (link)
Uri Avnery (link)
Oren Ben-Dor (link)
Meron Benvenisti (link)
Jeff Blankfort (link)
Lenni Brenner (link)
Avraham Burg (link)
Noah Cohen (link)
Norman Finkelstein (link)
Franco Lattes Fortini (link)
Yerach Gover (link)
Haim Hanegbi (link)
Eric Hobsbawm (link)
Noel Ignatiev (link)
Gideon Levy (link e link)
Moshé Machover (link)
Edgar Morin (link)
Michael Neumann (link)
Bertell Ollman (link)
Akiva Orr (link)
Ilan Pappe (link)
Tanya Reinhart (link)
Tom Segev (link)
Aharon Shabtai (link)
Israel Adam Shamir (link)
Eyal Sivan (link)
Shimon Tzabar (link)
Mordechai Vanunu (eroe della pace, link)
e tanti tanti altri (link)

e chiudo con due citazioni.
"non possiamo celebrare l'anniversario della nascita di uno stato fondato sul terrorismo, massacri ed espulsioni di altre popolazioni dalla loro terra. Non possiamo celebrare la nascita di uno stato che perfino adesso è ingaggiato in pulizia etnica che viola la legge internazionale, che infligge una mostruosa punizione collettiva sulla popolazione civile di Gaza e che continua a negare ai palestinesi i loro diritti umani e le aspirazioni nazionali. Celebreremo quando arabi ed ebrei vivranno alla pari in un Medio Oriente in pace" (29/4/2008, 60simo anniversario della prima pulizia etnica dei palestinesi)
Akiva Orr: "Noi israeliani abbiamo un grande problema: non conosciamo la nostra storia. Siamo convinti che l’odio arabo generi conflitto; ma è vero il contrario, è il conflitto che genera odio. E il conflitto siamo noi"

lunedì 15 dicembre 2008

i risultati di 10 anni di supporto del piggish capitalism da parte del governo israeliano, liberismo di cui Netanyahu è il campione indiscusso

A report published Saturday night by the Adva Center for Information on Equality and Social Justice in Israel found that an inequitable division of the economic growth and cuts in the social budgets throughout the decade between 1998 and 2007 have led to a withdrawal and radicalization on the social justice front, in spite of the economic prosperity in most of these years.
The survey paints a grim picture of the economic and social trends which have characterized the discussed decade, as the Israeli society prepares to deal with a financial crisis which is about to become deeper.
The wages of senior managers in the big listed companies was more than doubled – from NIS 4.5 million (about $1.16 million) a year at the beginning of the decade to NIS 8.43 ($2.17 million) at the end of it. Meanwhile, an increase was recorded in the incidence of poverty – from 17.4% to 19-20%.
Families in the lowest echelons were paid a monthly salary increment which was only enough for adding a handful of products to their food basket. Another characteristic was an ongoing shrinkage in the middle class, in the number of families and their part in the total income.
The report also notes that the picture of the growth is incomplete. In the past five years the economy saw an annual growth rate of more than 5%, which is high compared to the West. However, an overall summation of the decade shows that the growth rate totaled only 40% due to the heavy recession following the intifada – one-third lower than the West's growth rate (about 60%) and half to a quarter of the growth rate of India (112%) and China (176%).
The report stresses that even during the year in which a significant growth was recorded, its fruit did not infiltrate all layers of the society equally, causing the prosperity to have a difference impact on the periphery areas, which were inferior to central Israel, and on society's groups, with the strong growing stronger and the weak becoming weaker.
The growth in the central regions focused on several industries. The banking, insurance and provident funds grew by 102%, while the high-tech industries saw a growth of 47%, but the traditional industries grew by only 6%.
The inequitable division of the fruits of the growth was expressed in the following grim picture: The average monthly income of a household in the top echelon received an additional NIS 5,222 ($1,344), which were enough to finance half of the annual tuition fee of a university student.
In contrast, the sixth echelon received an addition of only NIS 1,486 ($382), which were enough to purchase a number of clothing items, while a family in the second echelon got up to NIS 507 ($130.5) for the purchase of a small amount of food products.
The survey also found that the monthly and hourly wage gaps between men and women have not changed in the past decades.
Ashkenazi hired workers living in the city earned up to 37-39% more than the average salary in the economy. The wage of Sephardic people who earned a little less than the average salary at the beginning of the decade saw a slightly increase towards the end of the decade, while Arab hired workers living in the city continued to earn less than 30% of the average salary.
Barbara Svirsky and Dr. Shlomo Svirsky, heads of the Adva Center, stress that the abandonment of the low-income population in favor of the market forces was not the only thing which contributed to the expansion of social inequality. Another cause, they say, was the economic policy and governmental legislation, particularly during the crisis which broke out following the intifada.
"This is the same government that benefited the high income earners through tax reductions, which added NIS 2,000 ($514.8) to the net salary of those earning more than NIS 50,000 ($12,870) a month.
"On the other hand, the disadvantaged population was the one particularly hurt by the commands derived from unprecedented cuts to the annual budgets, which undermined a number of the basic socioeconomic orders."
The child allowances were cut by 45%, the unemployment allowance by 47%, and the pension funds and income support pensions were cut by about 25%.
In total, the National Insurance payments saw a drop of NIS 3 billion ($772,000) in recent years (from NIS 50.1 to NIS 47.1), while the poor's needs have increased, especially the need to upgrade the population's education in light of the ongoing deterioration in students' grades.
The teaching hours' budget per student dropped from NIS 8,920 ($2,296) to NIS 7,553 ($1,944), despite repeated government statements that improving the level of education would lead to growth.
Thus, in the discussed decade more than half of Israeli youths have not receive a matriculation certificate despite the increase in the number of students eligible for a certificate, which was only recorded in well-established communities and not in the periphery.
Among the 17 year olds, some 80% reached the 12th grade in 1999, but only half of them were found eligible to a matriculation certificate (some 41%), and only 26% went on to study in universities and colleges in the eight years which followed.
The survey also found that the erosion in the health basket budget doubled the burden of payments on households from an average of NIS 436 ($112) per capita to NIS 894 ($230).
"Everyone paid more, but families with a high income could have at leased purchased complementary health insurances – private and expensive ones. Those of the top echelon who could afford it spent up to NIS 313 ($80.5), compared to NIS 163 ($41.9) in the sixth echelon and only NIS 70 ($18) in the second and lower echelon, and the service they received was in accordance to the price," the report said.
The Svirsky couple also discussed the damages caused by the privatization of the new pension funds and the transfer of provident funds from the banks' control in 2003 to investment banks while changing the pension savings' investment channels.
The percentage of savings protected in government bonds with a guaranteed interest rate dropped from 70% to 30%. The funds' managers were required to refer 70% of the investments to the capital market. The damages of this move were exposed following the heavy loses suffered by the savers in the current financial crisis, and will mostly harm people who plan to retire in the coming years.
The Adva Center heads conclude the report by expressing their regret over the grim picture presented in it. "At this time of all times, at the start of a deep financial crisis, we missed the opportunities of the growth periods by failing to take advantage of the prosperity in order to improve the situation of all layers of society in Israel in a concrete manner."

questo è un esempio dei regali fatti da Netanyahu ai suoi amici:

When the new pension funds were started in 1995, 70 percent of the money was invested in government bonds that had a promised yearly interest of 5.25 percent, while the other 30 percent was invested in the stock market. In January 2004, on the basis of a decision by then-
finance minister Benjamin Netanyahu and with the approval of the government, the ratio was switched, and 70 percent of the money being saved was sent to the stock exchange. The remainder stayed in government bonds, but at a lower interest of 4.48 percent per year. To figure out what actually happened to the money since that controversial decision, Svirsky asked Sprinzak to calculate the yield of the funds from January 2004 until the end of this October. He found that the real yield in every one of these five years was 0.23 percent - which is to say that the fall of the economy wiped out the gains, and that after taking inflation into accounts, the funds had produced almost no yields.
And what would have happened to those who have kept putting money in pension funds had Netanyahu left the original ratio in place, even if the 70 percent invested in government bonds were earning the lower interest rate of 4.48 percent? Sprinzak calculated that the real annual yield, even after the present crash decimated the 30 percent of the savings invested in the stock market, would have been 4.07 percent on average.

sabato 13 dicembre 2008

Kafka Ha un Rivale: Il Foreign Office

Oggi (1 dicembre), nel centro di Londra si svolgerà un evento surreale: il Foreign Office aprirà le sue porte "per sottolineare l'importanza dei Diritti Umani nel nostro lavoro, nella ricorrenza del sessantesimo anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani".Ci saranno vari "dibattiti" e "mostre" ed il Segretario di Stato per gli Affari Esteri David Miliband consegnerà un premio per i diritti umani. E' uno scherzo? No. Il Foreign Office vuole far crescere la nostra "consapevolezza sui diritti umani". Kafka e Heller hanno molti imitatori.
Non ci sarà nessuna mostra per gli abitanti delle isole Chagos, quei 2000 cittadini britannici espulsi dal loro paese nell'oceano Indiano, a cui il governo di Miliband ha impedito di ritornare in quella che ora è una base militare americana, ed un sospetto centro di torture della CIA. L'Alta Corte ha ripetutamente confermato questo fondamentale diritto umano degli isolani, l'essenza della Magna Charta, definendo l'azione del Foreign Office "scandalosa", "ripugnante" e "illegale". Invano. I legali di Miliband hanno rifiutato di cedere e il 22 ottobre sono stati salvati da un verdetto palesemente politico di tre membri del parlamento.
Non ci sarà nessuna mostra per le vittime della sistematica politica britannica di esportare armi ed equipaggiamenti militari a dieci dei 14 paesi africani più insanguinati dalle guerre e impoveriti. Oggi, nel suo discorso, alla vergognosa presenza degli onesti rappresentanti di Amnesty e Save the Chjldren, cosa dirà Miliband alle vittime di questa violenza sponsorizzata dalla Gran Bretagna? Forse accennerà, come fa spesso, alla necessità di "un buon governo" in quei lontani paesi, mentre il suo governo insabbia le indagini per frode nelle trattative per la vendita di armi tra la BAE (società inglese, la più grande in Europa nel settore della difesa,
ndt) e il corrotto regime saudita (con il quale, dichiarò il ministro degli esteri Kim Howells nel 2007, la Gran Bretagna aveva "valori condivisi").
Non ci sarà nessuna mostra per quegli iracheni la cui vita sociale, culturale e reale è stata distrutta da un'invasione non provocata, sulla base di bugie provate. Si scuserà il Segretario per le bombe a grappolo sparse dai britannici, che ancora strappano le gambe ai bambini, e per l'uranio impoverito ed altre sostanze tossiche che hanno sparso il cancro in vaste aree dell'Iraq del sud? Parlerà dell'universale diritto umano alla conoscenza, e annuncerà uno stanziamento di una piccola parte dei miliardi che sgorgano dalla city di Londra per ricostruire quello che era uno dei migliori sistemi scolastici del Medio Oriente, cancellato dall'invasione anglo-americana, insieme ai musei, la case editrici, le librerie, e gli insegnanti e gli storici e gli antropologi e i chirurghi? Annuncerà l'invio di semplici farmaci antidolorifici, e di siringhe ad ospedali che una volta erano forniti di quasi tutto, ed ora non hanno niente, in un paese dove i governi britannici, specialmente il suo, si sono distinti nell'impedire gli aiuti umanitari, incluso il blocco di Kim Howells dei vaccini preventivi per i bambini?
Non ci sarà nessuna mostra per la gente di Gaza la cui maggioranza, dice la Croce Rossa Internazionale, rischia di morire di fame, soprattutto i bambini. Nel perseguire l'obbiettivo di ridurre un milione e mezzo di persone ad un'esistenza hobbesiana, gli israeliani hanno tagliato la maggior parte delle vie di rifornimento. David Miliband è stato di recente a Gerusalemme, facendo una breve visita in elicottero alla popolazione prigioniera a Gaza. Non è andato a parlare dei loro diritti umani, preferendo parole ambigue su una "tregua" tra aguzzini e vittime.
Non ci sarà nessuna mostra per i sindacalisti, gli studenti, i giornalisti e gli attivisti per i diritti umani assassinati in Colombia, un paese le cui "forze di sicurezza" governative addestrate da inglesi e americani sono responsabili del 90% delle torture, come dice un recente studio di Justice for Colombia, il gruppo inglese per i diritti umani. Il Foreign Office si vanta di stare "migliorando lo stato dei diritti umani e combattendo il traffico di droga", ma questo studio non ha trovato un briciolo di prova che lo confermi. Gli ufficiali colombiani implicati in omicidi sono i benvenuti ai "seminari" britannici.
Non ci sarà nessuna mostra per la storia, per la nostra memoria. Riposti nelle biblioteche e negli archivi inglesi, i documenti ufficiali desecretati ci dicono la verità sulla politica britannica e i diritti umani, dalle atrocità nei campi di concentramento del Kenya coloniale, ora condonate ufficialmente, e l'aiuto militare al generale genocida Suharto in Indonesia, alla fornitura di armi biologiche a Saddam Hussein negli anni '80. Quando sentiamo i predicozzi moralistici degli ex militari britannici "esperti in sicurezza" che ci dicono cosa dobbiamo pensare dei recenti fatti di Mumbai, potremmo ricordarci del ruolo storico della Gran Bretagna come levatrice dell'estremismo violento nell'Islam moderno, dalla nascita dei Fratelli Musulmani in Egitto negli anni '50, passando per il rovesciamento del governo liberal-democratico in Iran, fino all'aiuto militare ai mujaheddin afghani, i futuri talebani, da parte dei servizi segreti britannici. Lo scopo era e resta quello di negare identità nazionale ai popoli che lottano per la libertà, soprattutto in Medio Oriente dove il petrolio, come dice un documento segreto del Foreign Office del 1947, è "un premio vitale per ogni potenza interessata ad avere influenza e dominio a livello mondiale".
I diritti umani sono quasi del tutto assenti da questa memoria ufficiale, a differenza della paura di venire scoperti. Un memorandum del Foreign Office del 1964 dice che l'espulsione segreta degli abitanti delle isole Chagos "dovrebbe essere attuata in modo da attrarre il minimo di attenzione e dovrebbe avere una spiegazione di copertura [così da non] sollevare sospetti sulle sue finalità".
Come si perpetua questa attività illusionistica? I media giocano il loro ruolo storico mediante una censura per omissione. Roland Challis, che era il corrispondente della BBC per il sud-est asiatico,quando Suharto sterminava centinaia di migliaia di presunti comunisti negli anni '60, mi ha detto: "Fu un grande successo per la propaganda occidentale. Le mie fonti britanniche davano a vedere di non sapere quello che stava succedendo, ma lo sapevano... Nostre navi da guerra hanno scortato una nave piena di soldati indonesiani lungo lo Stretto di Malacca, perché potessero prender parte a questo spaventoso olocausto".

Oggi una propaganda travestita da competenza promuove lo stesso rapace potere britannico, cercando di smorzare il dibattito pubblico. L'Institute for Public Policy Research, in un suo rapporto uscito la scorsa settimana, definisce sé stesso "il principale think tank progressista del UK". Svuotato del suo significato letterale, quello che un tempo fu il nobile termine "progressista", va ad aggiungersi a termini ingannevoli come "democrazia" e "centro-sinistra". [ ... ] Formulato secondo i cliché della politica nelle situazioni di crisi, il rapporto dell'IPPR ("Destini Condivisi") è una "chiamata all'azione" perché "gli stati deboli, corrotti e inefficienti sono diventati un pericolo per la sicurezza maggiore di quanto lo siano quelli forti e competitivi". Mentre è impensabile che vi si faccia un cenno al terrorismo di stato occidentale, la "chiamata" è per la presenza della Nato in Africa e per l'intervento militare "se lo si ritenesse necessario".
Ci sono riferimenti non sostenuti da prove a "piani terroristici sul suolo britannico", e c'è appena un vago cenno alla "percezione tra i musulmani" che l'attuale "intervento" anglo-americano in Medio Oriente e in Asia ne sia la causa lampante. Nel febbraio del 2003 quasi l'80% dei londinesi riteneva che un attacco britannico all'Iraq "avrebbe reso più probabile un attacco terroristico contro Londra". Questo fu esattamente l'avvertimento che il Joint Intelligence Committee diede a Blair.
L'avvertimento è ancora valido mentre "noi" continuiamo ad aggredire altri paesi e permettiamo che dei falsi difensori si approprino dei nostri diritti umani.

venerdì 12 dicembre 2008

perchè Israele preferisce perpetuare in eterno l'occupazione piuttosto che permettere la nascita dello stato palestinese

L’occupazione fa parte integrante della società israeliana. Anche storicamente. Senza occupazione, Israele passa dal ’48 al ’67: 19 anni; come potere occupante, dal ’67 al 2008, e cioè 41: più del doppio. E le strategie usate nei Territori Occupati non nascono ex novo: sono quelle già adoperate nella legge militare, imposta ai palestinesi di Israele dal ’48 al ’66. Quella legge con cui era stato attuato l’esproprio delle terre; diversa dalla legge – civile – valida per gli ebrei. Ora, i palestinesi di Israele hanno accesso solo al 3% circa delle terre dello Stato.
Con l’occupazione, comunque, è ancora peggio: nel '48, ai palestinesi rimasti in Israele, fu comunque concessa la cittadinanza, e quindi il voto per il Parlamento, da cui esce il governo. Ai palestinesi dei Territori Occupati, il diritto di voto per lo Stato che li governa non fu e non è concesso. Votano per un Parlamento senza effettivi poteri; quando alle elezioni vinse Hamas, nel 2006, Israele decise di boicottarli, trattenendosi la loro IVA e i loro introiti doganali. Così chiusero scuole e ospedali: i dipendenti non erano pagati.
Nei Territori Occupati, Israele usa una congerie di leggi: civile per i coloni, militare per i palestinesi – che devono obbedire a 1.500 ordinanze dell’esercito. Fra queste, una permette di comminare dieci anni di carcere per una riunione politica, e una altrettanti anni di galera per aver diffuso un articolo o un volantino. Questo, ne ‘l’unica democrazia del Medio Oriente’.
Ma non basta: perché Israele può usare, e usa, la legge giordana in Cisgiordania, quella egiziana a Gaza, oppure leggi dell’ex Mandato britannico, o ancora dell’impero ottomano. A seconda di cosa trova, sul momento, più utile ai propri scopi.
Israele non ha confini che riconosce, con i Territori Occupati. Nelle sue mappe, la Linea Verde – la linea armistiziale del ’48 - non è segnata. Sono appena tornata dalla Cisgiordania, dove ero con un gruppo di medici. Uno di noi aveva una cartina del Ministero israeliano del Turismo. Era una cartina del ’98; senza il Muro, che non c’era ancora. Ma non vi appariva alcuna differenza fra il territorio israeliano, entro i confini del ’48, e l’area C di Oslo: segnate entrambe con il medesimo beige. (L’area C di Oslo è quella sotto intero controllo israeliano: quella B è a controllo ‘condiviso’, quella A – che corrisponde alle città cisgiordane – a controllo palestinese). Le aree A erano segnate in giallo, quelle B in marrone. Queste sono le aree in cui Israele è disponibile a concedere una certa autonomia (che so: decidere in quali giorni passa il camion della raccolta delle immondizie) ai palestinesi; il resto, lo considera annesso, e non da ieri.
Il Muro non è sulla Linea Verde; annette ad Israele quasi il 10% della Cisgiordania, ed il suo percorso non è casuale. Ha lo scopo di annettere le colonie, situate sopra le falde idriche. Israele si appropria di buona parte dell’acqua cisgiordana; i palestinesi hanno il divieto di scavare pozzi, e l’acqua del sottosuolo è loro rivenduta – a un prezzo superiore a quello praticato agli israeliani. Nei fatti, questo significa che, in alcune zone della Cisgiordania, l’acqua arriva una volta ogni tre settimane, o ancora più di rado.
Il Muro, vero nuovo confine, funziona in un senso solo: impedisce ai palestinesi di entrare in territorio israeliano, come pure a Gerusalemme, che Israele considera integralmente sua. Non impedisce assolutamente agli israeliani di entrare in Cisgiordania. Le incursioni dell’esercito sono quasi quotidiane, soprattutto di notte.
L’occupazione permea tutto Israele. Per rendersene conto, basta qualche conto. Gli israeliani sono oggi circa 7.200.000. Un quinto – circa 1.450.000 - sono palestinesi. Restano un po’ più di 5.700.000 abitanti, classificati come ebrei. (Questo non significa che lo siano realmente, ma solo che lo Stato li qualifica in questo modo; vale in particolar modo per i russi, che sono in realtà cristiani ortodossi). Ora, i coloni sono circa 500.000: quindi 1 su 11, degli abitanti ebrei, è un colono. Vuol dire che quasi ogni famiglia ha (almeno) un colono; anche le famiglie ‘normali’, non estremiste. In particolare, i coloni che abitano negli insediamenti intorno a Gerusalemme neanche sono riconosciuti e si riconoscono come tali: l’annessione di Gerusalemme è asserita – nel modo più tranquillo – praticamente da tutti.
E non basta. Facciamo un esempio. Ci sono circa 130 docenti universitari di Sociologia, in Israele. Di questi, solo il 6%, all'incirca, ha preso posizione contro l’occupazione. La stragrande maggioranza non tiene corsi su questo argomento. Si preferisce far finta che Israele termini alla Linea Verde, che l’occupazione sia una sorta di incidente – irrilevante - di percorso. È come se i Territori Occupati fossero su un altro pianeta.
E, mentre si chiudono occhi e orecchie, quasi tutto Israele sostiene l'occupazione. Le università offrono corsi più brevi a chi fa parte dei servizi di sicurezza: se normalmente per una laurea in Scienze Politiche occorrono 3 anni, per chi fa parte di detti servizi basta un anno, un anno e mezzo. L’idea è costoro abbiano diritto a vantaggi aggiuntivi.
Quando in Israele nasce un maschio, il complimento che gli si fa comunemente è: “Ecco il nuovo capo di stato maggiore!”. Ai bambini, si insegna a fare i soldati fin dall’asilo. Sono i figli della cosiddetta ‘sinistra’ israeliana a fare i soldati ai posti di blocco. Persino il capo di Peace Now ha fatto il suo turno di riservista dell’esercito stando di guardia a un posto di blocco nella Valle del Giordano, fermando i palestinesi che cercavano di passare a una parte all'altra.
Il servizio militare è obbligatorio: per i maschi, per tre anni; per le ragazze, per due. Queste possono evitarlo, se sono ortodosse o se si sposano. Poi, almeno i maschi sono richiamati come riservisti una volta l’anno, talvolta fino ai 50 anni. Qualcosa, a casa, costoro racconteranno. Eppure, quasi tutti sostengono di non sapere.
Pure stando in Italia, ci sono due giornali israeliani che si possono tranquillamente leggere: ce n’è la versione inglese in internet. Così, noi si può sapere quel che accade da quelle parti. Ma gli israeliani – che hanno a disposizione le versioni in ebraico, ben più estese, dei medesimi quotidiani -, dicono di non avere idea di cosa succede, nei Territori Occupati.
A questa volontà di non sapere si sommano l’effetto della propaganda, e il terrore. Gli israeliani sono convinti di essere circondati da masse arabe nemiche. Indipendentemente dall’atteggiamento amichevole dei governi della Giordania e dell’Egitto, e dalla proposta di pace saudita.
Sul versante ideologico, avviene un fatto strano. L’Onu ha approvato la nascita di uno stato ebraico nel ’47: due anni dopo il termine della seconda guerra mondiale, e di tutto quel che ne aveva fatto parte – su cui preferirei non soffermarmi. Ma Israele ha fatto la pace con la Germania negli anni ’50, con Adenauer. Da allora, la Germania non è più ­considerata un nemico. L’epiteto di ‘Hitler’ è stato adoperato invece, in Israele, per Nasser. E poi per Arafat. Dopo il ’67, i confini precedenti alla guerra (quelli della Linea verde, cioè), sono stati definiti, da israeliani, ‘i confini di Auschwitz’. Il nemico assoluto è diventato il mondo arabo; e, dello sterminio, si è fatto e si fa un uso perverso.
Se gli israeliani non protestano per l’occupazione, vuol dire che per loro va bene così. E badate che questo significa che si deve mettere in conto di avere, per tre anni, i figli a far la guardia a posti di blocco, con enormi mitra. Fino per lo meno agli anni ’80, occupazione ha significato poter usufruire di manodopera a bassissimo prezzo: un manovale di Gaza era pagato 1/10 di uno israeliano. Ora sono pochi i palestinesi ad avere il permesso di lavorare entro la Linea Verde: Israele non ha più bisogno di loro, perché, a sostituirli, ha importato schiavi cinesi, rumeni, tailandesi, e così via. Il vantaggio che si continua ad ottenere dalle colonie – solo per ebrei - è che in queste permane il welfare state (abolito, entro la Linea Verde, da Netanyahu): chi vi risiede gode di piena occupazione, di sussidi per l’acquisto e l’affitto di una casa; insegnanti ed assistenti sociali ricevono più punti per la carriera, e così via.
Dei palestinesi, Israele vuole la terra e l’acqua. È questo il motivo per cui si sono trasformati nel nemico, per lo meno finché non se ne vanno.
L’unica prospettiva, e l’unica risorsa, è il lavoro comune. Un palestinese di sinistra, con cui ho parlato recentemente, stima molto Michel Warschawski, della vera sinistra israeliana - ma non l’ha mai incontrato. È il trionfo delle politiche israeliane di separazione. Se impedisci a palestinesi ed israeliani di incontrarsi, gli ebrei di Israele penseranno che i palestinesi hanno due teste; e i palestinesi incontreranno israeliani solo come militari armati, ai posti di blocco. Occorre fare il contrario di quel che Israele vuole: combattere la paura nei confronti dell’altro, che germina quando non lo si conosce.
Paola Canarutto

sabato 6 dicembre 2008

il punto della situazione nelle colonie ebraiche

Gerusalemme, 5 dic. (Apcom) - E' una sfida ad ampio raggio e sempre piu' violenta quella che stanno lanciando i coloni ebrei sparsi nella Cisgiordania occupata da Israele nel 1967. La "Intifada ebraica" scattata dopo l'evacuazione, da parte della polizia, di uno stabile palestinese occupato dai coloni in violazione di una sentenza dell'Alta Corte di Giustizia, ha confermato che la destra religiosa e ultranazionalista ha nel suo mirino non solo i palestinesi ma lo stesso Stato di Israele, considerato ormai un "nemico" del progetto di redenzione di Eretz Israel, la biblica "Terra di Israele" promessa da Dio al popolo ebraico.
Non era stato cosi' dopo il 1967, quando le forze armate israeliane - in sei giorni di guerra lampo contro gli eserciti di Giordania, Egitto e Siria - catturarono Cisgiordania, Gaza e il settore arabo (Est) di Gerusalemme (oltre alle Alture del Golan e il Sinai) ponendo, di fatto, la quasi totalita' di Eretz Israel sotto il controllo ebraico. Si realizzo' quell'anno il sogno del rabbino capo della Palestina (all'inizio del Novecento) Avraham Kook e di suo figlio Zvi Yehuda, che avevano dato vita e sviluppato la corrente del Sionismo religioso.
In contrasto con la maggioranza dell'ebraismo ortodosso, il rabbino Kook e suo figlio avevano individuato nello Stato di Israele, quantunque laico, la "sacra" funzione di riconquista della totalita' della Terra Promessa, indispensabile per avviare il processo messianico di Redenzione. Il loro pensiero, per anni minoritario nel mondo religioso israeliano, trovo' popolarita' dopo il 1967 fino a dare vita nel 1974 al Gush Emunim ("Blocco dei fedeli"), un movimento sostenuto dal Partito nazional religioso, che si sarebbe impegnato negli anni successivi a "redimere" Eretz Israele, con la creazione di colonie nei territori palestinesi e arabi occupati. A favorire i disegni del Gush Emunim, "avanguardia del volere divino", fu soprattutto il Likud, il partito di destra guidato da Menachem Begin vincitore delle elezioni nel 1977, a danno al Partito laburista che
aveva dominato la scena politica prima e dopo la fondazione di Israele. Grazie al Likud e sempre appoggiato dal Partito nazional religioso, il Gush Emunim ebbe modo di disseminare la Cisgiordania e Gaza, ma anche il Golan e il Sinai, di colonie ebraiche, allo scopo dichiarato di impedire la restituzione dei territori "riconquistati" nel 1967.
La pace di Camp David, firmata da Begin con l'Egitto nel 1977, e il successivo ritiro dal Sinai, mise fine alla luna di miele tra il Gush Emunim e il governo israeliano ma, piu' di tutto, diede vita ad una spaccatura: la maggioranza del movimento dei coloni decise di collaborare con lo Stato mentre la minoranza si frantumo' in varie formazioni sempre piu' estremiste e violente a tal punto da mettere in discussione la legittimita' delle istituzioni ufficiali israeliane e di sollecitare il ritorno alla antica monarchia ebraica.
"Il Gush Emunim ora esiste solo sulla carta, oggi a dettare legge sono i piu' estremisti", ha spiegato ad Apcom Meir Margalit, un ex colono (a Gaza) divenuto qualche anno fa un pacifista e, successivamente, consigliere comunale a Gerusalemme. "Un numero cospicuo di coloni ha
sviluppato un approccio pragmatico e accetta la possibilita' della nascita di uno Stato palestinese in Cisgiordania e Gaza mentre una minoranza piu' fanatica, valutabile in alcune migliaia di coloni (sui 200mila nei Territori, ndr), intende opporsi con tutte le sue forze alla restituzione delle terre ai palestinesi ed evitare un ritiro dalla Cisgiordania simile a quello realizzato (nel 2005) dalla
Striscia di Gaza".
La sollevazione messa in atto ieri dai coloni piu' radicali, che godono del sostegno di un certo numero di parlamentari della destra estrema e di alcuni partiti minoritari, ha confermato le
preoccupazioni sulla pericolosita' crescente del fanatismo religioso ebraico manifestate a piu' riprese da politici ed intellettuali, tra i quali lo storico Zeev Sternhell, vittima qualche mese fa di un attentato compiuto da attivisti legati al movimento dei coloni. L'analista politico Ron Ben Yishai avverte che "il peggio non e' ancora venuto" e che la rivolta violenta scattata a Hebron e' stata solo un "esempio" di cio' che i coloni potrebbero mettere in atto se governo ed esercito non agiranno con determinazione. I coloni, dice Ben Yishai, puntano apertamente a provocare una reazione violenta dei palestinesi, in modo da gettare la Cisgiordania nel caos e impedire la nascita di uno Stato palestinese indipendente.
Non pochi vedono all'orizzonte anche omicidi politici, simili a quello del premier laburista Yitzhak Rabin, colpito a morte 13 anni fa a Tel Aviv da un giovane ebreo aizzato da rabbini di estrema destra che negli accordi di Oslo con i palestinesi avevano visto un tradimento della "redenzione" di Eretz Israel. Anche la possibile vittoria del leader del Likud, Benyamin Netanyahu, alle elezioni del prossimo 10 febbraio, potrebbe non bastare a chi rifiuta categoricamente l'idea di un compromesso territoriale con i palestinesi.

Con Africom giungono in Italia altri 1.000 militari USA

E il Pentagono sbugiarda Franco Frattini. Due giorni fa il ministro degli esteri italiano aveva annunciato la concessione agli Stati Uniti dell’utilizzo delle basi di Napoli e Vicenza per l’installazione di due nuovi comandi per le operazioni nel continente africano (Africom), “senza che ciò comporterà l’aumento su base permanente delle truppe Usa in Italia”. Le forze armate statunitensi fanno invece sapere che l’istituzione dei due quartieri generali è già attiva con l’assegnazione a Napoli e Vicenza di 750 militari, a cui se ne affiancheranno presto degli altri.
Intervistato dal quotidiano delle forze armate Usa “Stars and Stripes”, il colonnello Marcus de Oliveira, portavoce del comando dell’esercito statunitense SETAF (Southern European Task Force) con base a Vicenza, ha dichiarato che il personale di stanza nella città veneta “potrebbe aumentare di circa 50 unità, portando così il numero del personale militare operante a 300”.
A Napoli, invece, la Naval Forces Europe è stata ampliata per includere la componente navale di Africom che ha preso il nome di “NAVEUR NAVAF”. “Con uno staff di circa 500 uomini – scrive Stars and Stripes - questo comando potrebbe crescere entro i prossimi due anni di circa 140 unità”. Le finalità del nuovo quartier generale delle forze navali per l’Africa sono state sintetizzate dall’ammiraglio Mark Fitzgerald, comandante di NAVEUR NAVAF. “Focalizzeremo i nostri interventi in Africa costruendo la cooperazione regionale per la sicurezza nel continente”, ha dichiarato Fitzgerald. “Il modello a cui guardiamo è quello che vede attualmente gli stati della regione del Golfo di Guinea operare congiuntamente contro il traffico di droga, l’immigrazione illegale e il traffico di essere umani. La lotta alla pirateria continuerà ad essere un punto centrale per la Us Navy e per Africom”.
Con l’istituzione di NAVEUR NAVAF a Napoli, l’Africa Partnership Station (APS), la forza multinazionale che la Marina degli Stati Uniti ha promosso con i paesi dell’Africa occidentale e centrale, passa sotto il controllo del comando di Napoli.
Buona parte delle operazioni di rifornimento munizioni, carburante e materiali logistici delle unità impegnate in esercitazioni in ambito APS continueranno però ad essere coordinate dal “Fleet and Industrial Supply Center” (FISC), il centro logistico delle forze navali degli Stati Uniti istituito a Sigonella il 3 marzo 2005.
Nella base siciliana è pure presente uno dei reparti di punta della nuova strategia di penetrazione militare nel continente africano, la “Joint Task Force JTF Aztec Silence”, una forza speciale dotata di aerei P-3c Orion per la conduzione di missioni d’intelligence, sorveglianza terrestre, aerea e navale in Africa settentrionale, occidentale e nel Corno d’Africa.
Oltre al Comando terrestre di Vicenza e a quello navale di Napoli, Africom ha attivato un quartier generale delle forze aeree a Ramstein (AFAFRICA) e un comando delle forze del Corpo dei Marines a Boeblingen (MARFORAF). Sempre in Germania, a Stoccarda, ha sede il quartier generale di Africom, destinato però ad essere trasferito nel Sud Europa. A contendersi Africom la base navale Usa di Rota-Cadice in Spagna e ancora una volta la Naval Station di Napoli-Capodichino.

varie e avariate

il solito splendido Fulvio Grimaldi
Manifesto della Sinistra radicale europea
Obama il nixoniano
Usa: occupati calano di 533.000 unità a novembre

Oleodotti e nucleare, il grande gioco asiatico
La battaglia di Mumbai, qualunque sia la regia degli attacchi, si inquadra in una contesa di vasta portata condotta con strumenti politici, economici e militari da più soggetti: non solo India e Pakistan, ma Stati uniti, Russia e Cina. Principale terreno di confronto è l'Asia centrale, area di enorme importanza per la sua posizione geostrategica e per il controllo del petrolio del Caspio e dei «corridoi energetici».
L'epicentro è in Afghanistan. Qui s'impantanò per dieci anni l'esercito sovietico. Qui, nel 2001, sono arrivate le truppe statunitensi, ufficialmente per combattere i taleban e dare la caccia a bin Laden. L'obiettivo strategico è in realtà quello di occupare una posizione chiave nel nuovo scenario creato in Asia dalla disgregazione dell'Urss e dall'emergere delle potenze cinese e indiana. «Esiste la possibilità che emerga nella regione un rivale militare con una formidabile base di risorse», avvertiva un documento pubblicato dal Pentagono una settimana prima dell'invasione dell'Afghanistan.
Questo obiettivo strategico è stato confermato dal presidente eletto Barack Obama, che ha annunciato di voler «uscire dall'Iraq» e «passare al giusto campo di battaglia in Afghanistan e Pakistan». Viene quindi considerato campo di battaglia anche il Pakistan, ritenuto a Washington un alleato non molto affidabile, i cui servizi segreti sono sospettati di avere legami con i taleban. Quando nel gennaio 2008 gli Usa chiesero al presidente Musharraf di avere mano libera nelle zone di confine con l'Afghanistan, ricevettero un rifiuto. E, a causa della forte opposizione interna, anche l'attuale presidente Zardari appare riluttante.
A rendere ancora più complessa la situazione è la scelta di Washington di privilegiare le relazioni con l'India, per impedire un suo avvicinamento alla Russia e alla Cina. Rientra in tale politica l'accordo, ratificato il 2 ottobre dal senato, attraverso cui gli Stati uniti «legalizzano» il nucleare militare dell'India, che non ha mai aderito al Trattato di non-proliferazione, permettendole di mantenere otto reattori nucleari militari al di fuori di ogni controllo internazionale. Ciò spinge il Pakistan, che non ha mai aderito al Tnp, ad accelerare i suoi programmi nucleari militari. Col risultato che i due paesi già schierano complessivamente circa 110 testate nucleari e sono in grado di fabbricarne molte di più.
Su questo terreno entrano in gioco, in concorrenza con gli Usa, Russia e Cina. A settembre è stato confermato che la Russia fornirà all'India una portaerei con 16 Mig-29; contemporaneamente, la joint-venture russo-indiana BrahMos Aerospace ha annunciato che accrescerà la produzione di missili da crociera supersonici lanciati dall'aria, armabili con testate sia convenzionali che nucleari. La Cina sta invece stringendo relazioni particolarmente strette col Pakistan: il 18 ottobre è stato annunciato che il presidente Zardari, in visita a Pechino, ha firmato 12 accordi, uno dei quali impegna la Cina a costruire altri due reattori nucleari in Pakistan. La Cina fornisce inoltre al Pakistan caccia Jf-17 dotati di motori russi, la cui fornitura è stata autorizzata da Mosca.
Nella «guerra degli oleodotti», entra in gioco anche l'Iran, col progetto di un gasdotto che, attraverso il Pakistan, dovrebbe portare in India il gas iraniano. Sotto pressione statunitense, l'India non ha finora aderito all'accordo. L'Iran si è però dichiarato disponibile, l'11 ottobre, a costruire il gasdotto (costo 7,5 miliardi di dollari) fino in Pakistan, in attesa dell'adesione dell'India. Oggi ancora più difficile, dopo gli attacchi a Mumbai.

lunedì 1 dicembre 2008

la clemenza a senso unico di Obama

Fin dai tempi di Tito (imperatore romano, 39-81 d. C.) la forza e la saggezza sono sempre state associate con la clemenza. Barack Obama ha vinto, è forte, sta dando prova di saggezza e di clemenza accogliendo tra le sue braccia gli avversari della campagna elettorale, quelli che lo hanno osteggiato fin dall'inizio, quelli che lo hanno tradito e quelli che sono rimasti a guardare aspettando di salire sul carro del vincitore. Anche in questo il modello è quello romano.
E' stato invece, almeno fin qui, meno generoso con i suoi sostenitori della prima ora, anche quelli che sono stati determinanti per la sua vittoria. John Kerry, che dall'inizio è sceso in campo al suo fianco (anche per antica rivalità con il clan Clinton), non ha ricevuto la sperata nomina a segretario di stato e ancora aspetta un incarico di prestigio. Il clan Kennedy, che ancora conta molto nel partito, ha avuto per il momento solo le briciole di qualche incarico nello staff del comitato per la transizione.
Soprattutto si mostrano nervosi i sindacati, che hanno contribuito con oltre 100 milioni di dollari alla campagna di Obama e il cui appoggio è stato determinante nel portare dalla sua parte milioni di iscritti bianchi e conservatori che, lasciati a se stessi, difficilmente avrebbero votato per un candidato afroamericano, per quanto democratico (nelle primarie infatti stavano con Hillary Clinton).
Si aspettavano che il segretario del lavoro venisse annunciato insieme alle nomine degli altri ministri dell'economia, ed invece è stata una sfilza di tecnocrati, di banchieri e di uomini della finanza, dando l'impressione che i problemi del mondo del lavoro sono di seconda fila. Naturalmente c'è tempo, ma intanto la preoccupazione dei dirigenti della confederazione AFL-CIO aumenta.
Li preoccupa soprattutto la nomina a capo del Consiglio nazionale dell'economia di Larry Summers, già ministro del tesoro di Clinton, dal momento che Summers è un convinto fautore della globalizzazione e del libero mercato, il che non solo va contro gli interessi dei sindacati (che a causa della globalizzazione hanno perso posti di lavoro), ma non è stata neppure la posizione di Obama in campagna elettorale quando doveva ottenere il loro appoggio.
La nomina di Summers ha anche infastidito le donne democratiche che sicuramente ricordano quando, da presidente di Harvard, dichiarò che "le donne sono biologicamente inadatte alla ricerca scientifica", e ne nacque un putiferio che costrinse l'esimio professore alle dimissioni. Del resto Summers non è nuovo alle "provocazioni". In precedenza aveva avuto anche qualche scontro verbale con colleghi neri dell'università, facendo sospettare che pensasse la stessa cosa degli afroamericani.
Come che sia, Obama l'ha perdonato.
Ha naturalmente anche perdonato Hillary Clinton e i clintoniani; non quelli che fin dall'inizio hanno scelto lui, e non hanno quindi bisogno di perdono, ma quelli che sono rimasti con lei nella durissima, a tratti personalmente velenosa, campagna che il campo clintoniano ha condotto contro di lui nelle primarie. Si ricorderà che Hillary Clinton, pur di strappare la nomination, aveva fatto ricorso a tutte le accuse e insinuazioni poi utilizzate dall'avversario repubblicano McCain: Obama è impreparato, forse è mussulmano, è uno che parla bene ma non ha sostanza, ha frequentato gente poco rispettabile (come il bancarottiere Tony Rezko), fa parte di una chiesa nera antiamericana (come quella del pastore Jeremiah Wright), è arrogante, pensa di avere la vittoria in tasca, e chi più ne ha più ne metta. Di fatto Clinton è stata più dura con lui di quanto non lo sia stato John McCain che, pur sollevando la questione dei rapporti di Obama con un ex terrorista (Bill Ayers), ha definto "disonorevole" sfruttare la vicenda della sua appartenenza alla chiesa del pastore Wright.
Da ultimo Obama ha perdonato Joe Lieberman. Chi è Joe Liberman? E' un senatore del Connecticut che due anni fa, dopo essere stato battuto nelle primarie da un altro candidato democratico, si era presentato come indipendente alle elezioni e le aveva vinte. Al senato però era entrato nel gruppo democratico (il suo da sempre) e così aveva potuto conservare la presidenza della importantissima commissione Sicurezza interna e affari di governo (importantissima perché decide come spendere i miliardi di dollari per la sicurezza nazionale). Durante la campagna elettorale si era schierato con John McCain, di cui è vecchio amico, e sembrò addirittura che ne divenisse il candidato alla vicepresidenza. Alla convention fece anche un discorso di durissima critica, con parole di pesante sarcasmo, nei confronti di Obama. Ci si aspettava quindi che, ritornato al senato, venisse radiato dal partito e come minimo privato della "sua" commissione.
E invece no. Il capogruppo al senato, Harry Reid, ha annunciato che Lieberman rimane nel gregge democratico e conserva il suo incarico, facendo capire che la decisione è stata presa con la benedizione di Obama. C'è solo un requisito: l'anziano senatore dovrà presentarsi davanti alle telecamere e fare pubblica ammenda dei suoi errori.
E così Lieberman ha fatto. Ha dichiarato che "la stampa ha riferito male le parole che ho detto; alcune di queste avrei dovuto formularle meglio, ma ce ne sono altre che avrei dovuto non dire, e mi dispiace." A questo punto, fatta l'autocritica in perfetto stile veterocomunista, è stato perdonato e ha ricevuto indietro la sua poltrona.
Claire McCaskill, amica e consigliera di Obama ha chiosato: "Il presidente eletto ha lanciato un preciso messaggio di umiltà, di riconciliazione e di "guarigione". Adesso al lavoro!"
McCain aveva sicuramente torto quando sosteneva che Barack Obama è un "socialista". Però la vicenda Lieberman fa venire il sospetto che in lui, nel profondo, ci sia qualcosa di comunista. O forse invece, da imperatore forte e saggio, è soltanto clemente.