venerdì 30 gennaio 2009

la coscienza fascista degli ebrei israeliani

A new study of Jewish Israelis shows that most accept the 'official
version' of the history of the conflict with the Palestinians. Is it
any wonder, then, that the same public also buys the establishment
explanation of the operation in Gaza?
A pioneering research study dealing with Israeli Jews' memory of the
conflict with the Arabs, from its inception to the present, came into
the world together with the war in Gaza. The sweeping support for
Operation Cast Lead confirmed the main diagnosis that arises from the
study, conducted by Daniel Bar-Tal, one of the world's leading
political psychologists, and Rafi Nets-Zehngut, a doctoral student:
Israeli Jews' consciousness is characterized by a sense of
victimization, a siege mentality, blind patriotism, belligerence, self-
righteousness, dehumanization of the Palestinians and insensitivity to
their suffering. The fighting in Gaza dashed the little hope Bar-Tal
had left - that this public would exchange the drums of war for the
cooing of doves.
"Most of the nation retains a simplistic collective memory of the
conflict, a black-and-white memory that portrays us in a very positive
light and the Arabs in a very negative one," says the professor from
Tel Aviv University. This memory, along with the ethos of the conflict
and collective emotions such as fear, hatred and anger, turns into a
psycho-social infrastructure of the kind experienced by nations that
have been involved in a long-term violent conflict. This
infrastructure gives rise to the culture of conflict in which we and
the Palestinians are deeply immersed, fanning the flames and
preventing progress toward peace. Bar-Tal claims that in such a
situation, it is hard even to imagine a possibility that the two
nations will be capable of overcoming the psychological obstacles
without outside help.
Scholars the world over distinguish between two types of collective
memory: popular collective memory - that is, representations of the
past that have been adopted by the general public; and official
collective memory, or representations of the past that have been
adopted by the country's official institutions in the form of
publications, books or textbooks.
The idea for researching the popular collective memory of Israeli Jews
was raised by Nets-Zehngut, a Tel Aviv lawyer who decided to return to
the academic world. At present he is completing his doctoral thesis in
the International Center for Cooperation and Conflict Resolution at
Columbia University's Teachers College. The study, by him and Bar-Tal,
entitled "The Israeli-Jewish Collective Memory of the Israeli-Arab/
Palestinian Conflict," examines how official collective memory in the
State of Israel regarding the creation of the 1948 refugee problem has
changed over time.
Bar-Tal became enthusiastic about the idea and, with funding from the
International Peace Research Association Foundation, he conducted a
survey in the summer of 2008 among a representative sample of 500
Jewish Israeli adults. The study demonstrated that widespread support
for the official memory testifies to a lower level of critical
thinking, as well as belief in traditional values, high identification
with Jewish identity, a tendency to delegitimize the Arabs, and
support for taking aggressive steps against the Palestinians.
In a telephone interview from New York, Nets-Zehngut says it is very
clear that those with a "Zionist memory" see Israel and the Jews as
the victims in the conflict, and do not tend to support agreements or
compromises with the enemy in order to achieve peace. This finding, he
explains, demonstrates the importance of changing the collective
memory of conflicts, making it less biased and more objective - on
condition, of course, that there is a factual basis for such a change.
Bar-Tal, who has won international awards for his scientific work,
immigrated to Israel from Poland as a child in the 1950s.
"I grew up in a society that for the most part did not accept the
reality that the authorities tried to portray, and fought for a
different future," he says. "I have melancholy thoughts about nations
where there is an almost total identity between the agents of a
conflict, on the one hand, who nurture the siege mentality and the
existential fear, and various parts of society, on the other. Nations
that respond so easily to battle cries and hesitate to enlist in favor
of peace do not leave room for building a better future."
Bar-Tal emphasizes that the Israeli awareness of reality was also
forged in the context of Palestinian violence against Israeli
citizens, but relies primarily on prolonged indoctrination that is
based on ignorance and even nurtures it. In his opinion, an analysis
of the present situation indicates that with the exception of a small
minority, which is capable of looking at the past with an open mind,
the general public is not interested in knowing what Israel did in
Gaza for many years; how the disengagement was carried out and why, or
what its outcome was for the Palestinians; why Hamas came to power in
democratic elections; how many people were killed in Gaza from the
disengagement until the start of the recent war; and whether it was
possible to extend the recent cease-fire or even who violated it
"Although there are accessible sources, where it is possible to find
the answers to those questions, the public practices self-censorship
and accepts the establishment version, out of an unwillingness to open
up to alternative information - they don't want to be confused with
the facts. We are a nation that lives in the past, suffused with
anxiety and suffering from chronic closed-mindedness," charges Bar-
That describes the state of mind in 2000, when most of the pubic
accepted the simplistic version of then-prime minister Ehud Barak
regarding the failure of the Camp David summit and the outbreak of the
second intifada, and reached what seemed like the obvious conclusion
that "there is no partner" with whom to negotiate.
Bar-Tal: "After the bitter experience of the Second Lebanon War,
during which the memory of the war was taken out of their hands and
allowed to be formed freely, the country's leaders learned their
lesson, and decided that they wouldn't let that happen again. They
were not satisfied with attempts to inculcate Palestinian awareness
and tried to influence Jewish awareness in Israel as well. For that
purpose, heavy censorship and monitoring of information were imposed"
during the Gaza campaign.
The professor believes that politicians would not have been successful
in formulating the collective memory of such a large public without
the willing enlistment of the media. Almost all the media focused only
on the sense of victimization of the residents of the so-called "Gaza
envelope" and the south. They did not provide the broader context of
the military operation and almost completely ignored - before and
during the fighting - the situation of the residents of besieged Gaza.
The human stories from Sderot and the dehumanization of Hamas and the
Palestinians provided the motivation for striking at Gaza with full
Nets-Zehngut and Bar-Tal find a close connection between the
collective memory and the memory of "past persecutions of Jews" ("the
whole world is against us," and the Holocaust). The more significant
the memory of persecution, the stronger the tendency to adopt Zionist
narratives. From this we can understand the finding that adults, the
religious public and those with more right-wing political views tend
to adopt the Zionist version of the conflict, while young people, the
secular public and those with left-wing views tend more to adopt
critical narratives.
The atmosphere in the street and in the media during the weeks of the
Gaza war seems to have confirmed the central finding of the study:
"The ethos of the conflict is deeply implanted in Jewish society in
Israel. It is a strongly rooted ideology that justifies the goals of
the Jews, adopts their version, presents them in a very positive light
and rejects the legitimacy of the Arabs, and primarily of the
Palestinians," notes Bar-Tal.
For example, when asked the question, "What were the reasons for the
failure of the negotiations between [Ehud] Barak and [Yasser] Arafat
in summer 2000?" 55.6 percent of the respondents selected the
following answer: "Barak offered Arafat a very generous peace
agreement, but Arafat declined mainly because he did not want peace."
Another 25.4 percent believed that both parties were responsible for
the failure, and about 3 percent replied that Arafat did want peace,
but Barak was not forthcoming enough in meeting the needs of the
Palestinians. (Sixteen percent replied that they didn't know the
Over 45 percent of Israeli Jews have imprinted on their memories the
version that the second intifada broke out only, or principally,
because Arafat planned the conflict in advance. Only 15 percent of
them believe the viewpoint presented by three heads of the Shin Bet
security services: that the intifada was mainly the eruption of a
popular protest. Over half those polled hold the Palestinians
responsible for the failure of the Oslo process, 6 percent hold Israel
responsible, and 28.4 percent said both sides were equally
Among the same Jewish public, 40 percent are unaware that at the end
of the 19th century, the Arabs were an absolute majority among the
inhabitants of the Land of Israel. Over half of respondents replied
that in the United Nations partition plan, which was rejected by the
Arabs, the Arabs received an equal or larger part of the territory of
the Land of Israel, relative to their numbers; 26.6 percent did not
know that the plan offered the 1.3 million Arabs a smaller part of the
territory (44 percent) than was offered to 600,000 Jews (55 percent).
Bar-Tal claims that this distortion of memory is no coincidence. He
says that the details of the plan do not appear in any textbook, and
this is a deliberate omission. "Knowledge of how the land was divided
could arouse questions regarding the reason why the Arabs rejected the
plan and make it possible to question the simplistic version: We
accepted the partition plan, they didn't."
However, his study shows that a larger percentage of the Jewish
population in Israel believes that in 1948, the refugees were expelled
(47.2 percent of respondents), than those who still retain the old
Zionist version (40.8 percent), according to which the refugees left
on their own initiative. On this point, not only do almost all the
history books provide up-to-date information, but some local school
textbooks do as well. Even on the television program
"Tekuma" ("Rebirth," a 1998 documentary series about Israel's first 50
years), the expulsion of the Arabs was mentioned.
Nets-Zehngut also finds a degree of self-criticism in the answers
relating to the question of overall responsibility for the conflict.
Of those surveyed, 46 percent think that the responsibility is more or
less evenly divided between Jews and Arabs, 4.3 percent think that the
Jews are mainly to blame, and 43 percent think that the Arabs and the
Palestinians are mainly to blame for the outbreak and continuation of
the conflict. It turns out, therefore, that when the country's
education system and media are willing to deal with distorted
narratives, even a collective memory that has been etched into
people's minds for years can be changed.
Bar-Tal says he takes no comfort in the knowledge that Palestinian
collective memory suffers from similar ills, and that it is also in
need of a profound change - a change that would help future
generations on both sides to regard one another in a more balanced,
and mainly a more humane manner. This process took many decades for
the French and the Germans, and for the Protestants and the Catholics
in Northern Ireland. When will it finally begin here, too?

giovedì 22 gennaio 2009

programma dei compagni israeliani di Hadash e intervista al segretario

il testo è preso dall'elaborazione in inglese su questo sito dell'originale ebraico che sta qui, per cui l'assemblaggio non è identico all'originale

Three decades ago, Hadash coined the slogan: “Two states for two peoples.” Hadash’s plan for establishing peace in the region is based on the evacuation of all the territories occupied in 1967, the dismantling of the settlements, the establishment of an independent Palestinian state alongside the State of Israel, and a just solution to the problem of the Palestinian refugees in accordance with the UN resolutions. A comprehensive, sustainable, just peace agreement includes establishing peace with all the neighboring states, based on the borders of June 4th, 1967, which includes returning the Golan Heights to Syria. Jerusalem will be the capital of two states: Israel and Palestine. Israel will withdraw from East Jerusalem, which will become the capital of Palestine. Over the years, Israel has become an American satellite state in the Middle East, which actively promotes American interests around the world. Hadash supports an independent and sovereign Israel that is economically, politically and militarily independent of America. Other features of the plan include: cutting the military budget in half by canceling all existing war plans and by evacuating the occupied territories in the framework of a just and stable peace agreement. Hadash opposes terrorism in all its forms, including state terrorism as practiced by Israel. Hadash opposes terrorism on the part of both groups and individuals, and supports democratic and political struggles of the masses. Hadash advocates prohibiting the development, the testing and the use of weapons of mass destruction in all forms. Hadash supports demilitarizing the Middle East (including Israel and Iran) and ridding the region of all weapons of mass destruction: nuclear, chemical and biological.

il programma è stato completato prima della guerra, ma Hadash si è espressa in merito organizzando manifestazioni contro l'attacco a Gaza

Hadash opposes the capitalist and neoliberal policies adopted by the Israeli governments during the past several decades with the support of the large political parties: Kadima, Likud and Labor. Hadash advocates strengthening the welfare state by enlarging the scope of the social rights of the State’s Jewish and Arab citizens − the right to work, the right to housing, the right to unionize − and by setting new priorities based on a just distribution of national income. Hadash also calls for a cessation of the privatization of social services. Hadash supports lowering the taxes levied on workers and increasing those levied on employers − particularly banks, financial concerns and large-scale employers; imposing a real tax on stock market profits; and annulling all privatizations without compensation. Hadash also supports repealing the reductions made in recent years to National Insurance benefits: unemployment, old age and child allowances.
Hadash anticipates that the global capitalist crisis will have a massive impact on the Israeli economy and has prepared a detailed plan calling for workers, young adults, women and pensioners to promote the immediate measures necessary to protect Israeli society from the consequences of the deepening economic crisis. The major features of the plan are: guaranteeing employment and restoring unemployment benefits to their pre-2001 levels; thoroughly overhauling the operating methods employed by the new pension funds and basing the pensions on the principle of a guaranteed rate of the salary and on earmarked government bonds; selling and renting government-built residential units and state land at low prices as a means of lowering housing costs; raising the corporate tax to 40% and employer contributions to National Insurance to 10% of employee wages. Other features of the plan include: cutting the military budget in half by canceling all existing war plans and by evacuating the occupied territories in the framework of a just and stable peace agreement; accelerating the development of renewable energy sources and the desalinization of sea water; restoring all funds diverted from the education and higher education systems, and implementing the Winograd Commission recommendations regarding the reduction of university tuition. Hadash supports a comprehensive policy of environmental protection and the adoption of principles of environmental justice − which includes taking decisive action against the financial interests that lie behind environmental destruction; special protection for the residents of areas in which industry is concentrated, and promoting equal use of all environmental resources; as well as an end to the privatization of environmental infrastructures that deal with land, transportation, water and the provision of energy.

Dalle altre risposte contenute nel sito olandese si deduce che a livello di mecccanismi politici Hadash è contro il premierato forte e contro il maggioritario, mentre è a favore della più completa libertà di parola (anche per gli antisionisti) e del potere dell'Alta Corte di Giustizia e della Corte Suprema di bloccare qualsiasi legge emanata dalla Knesset.

Hadash strives to effect the separation of religion and state, and of religion and politics. Hadash also advocates the ratification of a democratic constitution to safeguard basic human, civil and social rights, the secular character of the state and the equality of its citizens.

Hadash è anche a favore dei matrimoni civili (in Israele non esistono), della possibilità per le imprese di lavorare il sabato, dei tagli al finanziamento pubblico a sinagoghe e yeshivot (le scuole per rabbini).

Infine, l'intervista al compagno
Ayman Auda: qui

lunedì 12 gennaio 2009

la bancarotta della democrazia israeliana è completa: fuorilegge i partiti arabi

ora Israele è uno stato ufficialmente razzista, senza se e senza ma:,7340,L-3654866,00.html
il sogno di purezza etnica dei fascisti ebrei di Jabotinski si è compiuto: lo stato di Israele per soli ebrei e gli arabi raus, dietro il Muro di Ferro.
Ma era ampiamente prevedibile e previsto. Vedere per credere:

Il fardello dell'uomo israeliano

Non molto tempo prima dell’offensiva contro Gaza, il premier israeliano Ehud Olmert pose a se stesso e al proprio popolo una domanda gelida, senza precedenti. Una domanda non concernente i valori e la morale, ma la pura utilità.

Era il 29 settembre, e in un’intervista a Yedioth Ahronoth denunciò quarant’anni di cecità: quella d’Israele e la propria. Disse che era arrivato il momento, non rinviabile, in cui lo Stato doveva mutare natura e scegliere come vivere e sopravvivere: se guerreggiando in permanenza, o cercando la pace coi vicini.

Non negò le colpe di Hamas e di molti Stati arabi, ma invitò i connazionali a concentrarsi sul «proprio fardello di colpa». Il fardello consisteva negli automatismi del pensiero militarizzato: «Gli sforzi di un primo ministro devono puntare alla pace o costantemente aspirare a rendere il paese più forte, più forte, più forte, con l’obiettivo di vincere una guerra?».

Aggiunse che personalmente non ne poteva più di leggere i rapporti dei propri generali: «Possibile che non abbiano imparato assolutamente nulla? Per loro esistono solo i carri armati e la terra, il controllo dei territori e i territori controllati, la conquista di questa e quella collina. Tutte cose senza valore». L’unico valore da ritrovare era la pace, perseguibile a un’unica condizione: liquidando le colonie, restituendo «quasi tutti se non tutti i territori», dando ai palestinesi «l’equivalente di quel che Israele terrà per sé». Alla Siria andava reso il Golan, ai palestinesi parte di Gerusalemme. Così parlò il primo ministro d’Israele, non un preconcetto nemico dello Stato ebraico e del suo popolo.

Da queste parole sembra passato un tempo enorme e oggi non sono che fumo e fame di vento, come nel Qohèlet. Allora l’opportunità era imperativa, vicina. Nemmeno tre mesi dopo, la guerra è decretata «senza alternative». Allora Olmert pareva ascoltare gli intellettuali contrari alle soluzioni belliche: da Tom Segev a Gideon Levy a Abraham Yehoshua che tra i primi, su La Stampa, ha invocato negli ultimi giorni la tregua. Tre mesi dopo il pensiero militarizzato si riaccende e il dissenso si dirada. Non restano che Segev, Gideon Levy, Yossi Sarid. Perfino Yehoshua considera vana una reazione proporzionata ai missili di Hamas «perché la capacità di sopportazione e resistenza dei palestinesi è infinitamente superiore a quella degli israeliani». La domanda gelida di Olmert, a settembre, era la seguente e resta valida: «Che faremo, dopo aver vinto una guerra? Pagheremo prezzi pesanti e dopo averli pagati dovremo dire all’avversario: cominciamo un negoziato».

Secondo Olmert, Israele era a un bivio: «Per quarant’anni abbiamo rifiutato di guardare la realtà con occhi aperti (...). Abbiamo perso il senso delle proporzioni».
Non poche cose s’intuiscono, anche se ai giornalisti è vietato il teatro di guerra. Quel paesaggio che da giorni vediamo sugli schermi, alle spalle dei reporter, è praticamente tutta Gaza: non più di 40 chilometri di lunghezza, 9,7 chilometri di profondità. Con 360 chilometri quadrati, Gaza è più piccola di Roma e abitata da 1,5 milioni di palestinesi.

Inevitabile che in un lembo sì minuscolo i civili abbattuti siano tanti (metà degli uccisi, secondo alcuni). Inevitabile chiedersi se i governanti israeliani non persistano nella cecità, quando negano che la loro guerra sia contro i civili e un disastro umanitario.
Israele ha serie ragioni da accampare: i missili di Hamas sulle città del Sud, da anni e malgrado il ritiro unilaterale voluto da Sharon nel 2005, generano angoscia e collera indicibile, anche se i morti non sono molti. Ma ci sono cose non dette, in chi giustamente s’indigna: cose che questi ultimi nascondono a se stessi, dure da ammettere, non vere.
Non è vero, innanzitutto, che lo Stato israeliano reagisca senza voler penalizzare i civili.

Bersagliando i luoghi da cui partono i missili di Hamas, esso sa che subito Hamas e i missili si sposteranno altrove, e che in quei luoghi non resteranno che i civili: vecchi, donne, bambini. Lo dicono essi stessi, ai giornalisti: «Quando parte un missile vicino alle nostre case, scuole, moschee, sappiamo che non Hamas sarà colpito, ma noi». La domanda è tremenda: come spiegare agli abitanti di Gaza la differenza con rappresaglie che, come a Marzabotto, sacrificarono centinaia di civili al posto di introvabili partigiani?
Secondo: non è vero che non esistessero alternative all’attacco aereo e terrestre. Se la tregua con Hamas non ha funzionato, è perché mai iniziò veramente. Perché i coloni avevano evacuato la Striscia ma Israele manteneva il controllo dei cieli, del mare, dei confini. Il cessate il fuoco negoziato a giugno prevedeva la fine del lancio di missili palestinesi ma anche la rimozione del blocco di Gaza, imputabile a Israele. I missili son diminuiti, anche se non scomparsi: ne cadevano a centinaia tra maggio e giugno, ne son caduti meno di 20 nei quattro mesi successivi. Nulla invece è accaduto per il blocco.

Questo è il «fardello di colpe» israeliane, non piccolo, e ancora una volta la geografia aiuta a capire. Dice il governo d’Israele che dal 2005 Gaza appartiene ai palestinesi, ma che non è servito a nulla. È falso anche questo, perché Gaza essendo priva di autonomia non è messa alla prova. Non le manca solo il controllo dell’aria, del mare. Ci sono sei punti di passaggio che dovrebbero consentire il transito di cibo, acqua, elettricità, uomini (lungo la frontiera con Israele il valico Erez a Nord, i valichi Nahal Oz, Karni, Kissufim, Sufa a Est; ai confini con l’Egitto il valico Rafah) e tutti sono chiusi. Per una briciola come Gaza è impossibile vivere senza rapporti coll’esterno, ed essi sono bloccati da quando Hamas ha vinto le elezioni e rotto con Fatah. Anche in tal caso un’intera popolazione paga per i politici, e quando il cardinale Martino parla di campo di concentramento (altri parlano di prigione a cielo aperto) non s’allontana dai fatti. I tunnel servono a contrabbandare armi, è vero. Ma anche a trasportare cibo, medicine, pezzi industriali di ricambio. Il disastro umanitario a Gaza non comincia oggi. E quel milione e mezzo è lì perché cacciatovi dall’esercito israeliano nel ’48.
La punizione è parola chiave, in numerose guerre israeliane. Ma la punizione en masse dei civili non punisce in realtà nessuno, e accresce ire omicide nei contemporanei e nei discendenti. È una sorta di vendetta esibita. È guerra terapeutica che libera da inibizioni morali, guerra fatta per roteare gli occhi, scrive Yossi Sarid (Haaretz, 9 gennaio). È non solo feroce, ma vana. I missili di Hamas continuano a colpire e hanno addirittura allungato la gittata: ormai colpiscono Beer Sheva (36 chilometri dalla centrale atomica di Dimona) e la base di Tel Nof (27 chilometri da Tel Aviv).

Gaza e Cisgiordania sono più che mai interdipendenti. Quel che accade in Cisgiordania ha pesato amaramente su Gaza, e pesa ancora. In questo caso sì: non c’è alternativa alla decolonizzazione e al ritiro. Anche Israele, come tanti imperi, deve passare di qui. Deve smettere di separare i teatri d’azione: di edificare nuove colonie ogni volta che negozia o ogni volta che guerreggia su altri fronti, in Libano o a Gaza. È quello che teme anche oggi Dror Etkes, coordinatore dell’associazione israeliana Yesh Din (volontari per i diritti umani): «Posso certificare che proprio in queste ore stanno spianando terre in Cisgiordania per una nuova colonia presso Etz Efraim, e per un avamposto presso Kedumim». In un libro di Idith Zertal e Akiva Eldar (Lords of the Land, New York 2007) è scritto che la pace è irraggiungibile se non si riconosce che ogni singola colonia, e non solo i cosiddetti avamposti illegali, viola la legge internazionale; se non ci si spoglia dell’ossessione delle armi e delle terre idolatrate, che Olmert stesso ha denunciato poche settimane fa.

Barbara Spinelli

domenica 11 gennaio 2009


Marco Travaglio ha appena scritto un commento su Gaza, diramato dalla sua casa editrice Chiarelettere, che inizia così: “Israele non sta attaccando i civili palestinesi. Israele sta combattendo un’organizzazione terroristica come Hamas che, essa sì, attacca civili israeliani”.


Il compianto Edward Said, palestinese e docente di Inglese e di Letteratura Comparata alla Columbia University di New York, scrisse anni fa un saggio intitolato “The Treason of the Intellectuals” (il tradimento degli intellettuali). Si riferiva alla vergognosa ritirata delle migliori menti progressiste d’America di fronte al tabù Israele. Ovvero come costoro si tramutassero nelle proverbiali tre scimmiette - che non vedono, non sentono, non parlano - al cospetto dei crimini contro l’umanità e dei crimini di guerra che il Sionismo e Israele Stato avevano commesso e ancora commettono in Palestina, contro un popolo fra i più straziati dell’era contemporanea.

E di tradimento si tratta, senza ombra di dubbio, e cioè tradimento della propria coscienza, delle proprie facoltà intellettive, e del proprio mestiere. Gli intellettuali infatti hanno a disposizione, al contrario delle persone comuni, ogni mezzo per sapere, per approfondire. Ma nel caso dei 60 anni di conflitto israelo-palestinese, con la mole schiacciate e autorevole di documenti, di prove e di testimonianze che inchiodano lo Stato ebraico, non sapere e non pronunciarsi può essere solo disonestà e vigliaccheria. Poiché in quella tragedia la sproporzione fra i rispettivi torti è così colossale che non riconoscere nel Sionismo e in Israele un “torto marcio”, una colpa grottescamente e atrocemente superiore a qualsiasi cosa la parte araba abbia mai fatto o stia oggi facendo, è ignobile. E’ un tradimento della più elementare pietas, del cuore stesso dei Diritti dell’Uomo e della legalità moderna. E’ complicità, sì, com-pli-ci-tà nei crimini ebraici in Palestina. Leggete più sotto.

I traditori nostrani abbondano, particolarmente nelle fila dell’ala ‘progressista’. Marco Travaglio guida oggi il drappello, che vede Furio Colombo, Gad Lerner, Umberto Eco, Adriano Sofri, Gustavo Zagrebelsky, Walter Veltroni, Davide Bidussa et al., affiancati dell’instancabile lavoro di falsificazione della cronaca di tutti i corrispondenti a Tel Aviv delle maggiori testate italiane. E ci si chiede: perché lo fanno? Personalmente non mi interessa la risposta, e non voglio neppure addentrarmi in ipotesi contorte del tipo ‘il potere della lobby ebraica’, la carriera, o simili.

Ciò che conta è il danno che costoro causano, che è, si badi bene, superiore a quello delle armi, delle torture, delle pulizie etniche, del terrorismo. Molto superiore.

Perché una cosa sia chiara a tutti: l’unica speranza di porre fine alla barbarie in Palestina sta nella presa di posizione decisa dell’opinione pubblica occidentale, nella sua ribellione alla narrativa mendace che da 60 anni permette a Israele di torturare un intero popolo innocente e prigioniero nell’indifferenza del mondo che conta, quando non con la sua attiva partecipazione. Ma se gli intellettuali non fanno il loro dovere di denuncia della verità, se cioè non sono disposti a riconoscere ciò che l’evidenza della Storia gli sbatte in faccia da decenni, e se non hanno il coraggio di chiamarla pubblicamente col suo nome, che è: Pulizia Etnica dei palestinesi, mai si arriverà alla pace laggiù. E l’orrore continua. Essi, di quegli orrori, hanno una piena e primaria corresponsabilità.

L’evidenza della Storia di cui parlo è in primo luogo: che il progetto sionista di una ‘casa nazionale’ ebraica in Palestina nacque alla fine del XIX secolo con la precisa intenzione di cancellare dalla ‘Grande Israele’ biblica la presenza araba, attraverso l’uso di qualsiasi mezzo, dall’inganno alla strage, dalla spoliazione violenta alla guerra diretta, fino al terrorismo senza freni. I palestinesi erano condannati a priori nel progetto sionista, e lo furono 40 anni prima dell’Olocausto. Quel progetto è oggi il medesimo, i metodi sono ancor più sadici e rivoltanti, e Israele tenterà di non fermarsi di fronte a nulla e a nessuno nella sua opera di Pulizia Etnica della Palestina. Questo accadde, sta accadendo e accadrà. Questo va detto, illustrato con la sua mole schiacciante di prove autorevoli, va gridato con urgenza, affinché il pubblico apra finalmente gli occhi e possa agire per fermare la barbarie.

In secondo luogo: che la violenza araba-palestinese, per quanto assassina e ingiustificabile (ma non incomprensibile), è una reazione, REAZIONE, disperata e convulsa, a oltre un secolo di progetto sionista come sopra descritto, in particolare a 60 anni di orrori inflitti dallo Stato d’Israele ai civili palestinesi, atrocità talmente scioccanti dall’aver costretto la Commissione dell’ONU per i Diritti Umani a chiamare per ben tre volte le condotte di Israele “un insulto all’Umanità” (1977, 1985, 2000). La differenza è cruciale: REAGIRE con violenza a violenze immensamente superiori e durate decenni, non è AGIRE violenza. E’ immorale oltre ogni immaginazione invertire i ruoli di vittima e carnefice nel conflitto israelo-palestinese, ed è quello che sempre accade. E’ immorale condannare il “terrorismo alla spicciolata” di Hamas e ignorare del tutto il Grande terrorismo israeliano.

Le prove. Non posso ricopiare qui migliaia di documenti, citazioni, libri, atti ufficiali e governativi, rapporti di intelligence americana e inglese, dell’ONU, delle maggiori organizzazioni per i Diritti Umani del mondo, di intellettuali e politici e testimoni ebrei, e tanto altro, che dimostrano oltre ogni dubbio quanto da me scritto. Quelle prove sono però facilmente consultabili poiché raccolte per voi e rigorosamente referenziate in libri come “La Pulizia Etnica della Palestina”, di Ilan Pappe, Fazi ed., o “Pity The Nation”, di Robert Fisk, Oxford University Press, e “Perché ci Odiano”, Paolo Barnard, Rizzoli BUR, fra i tantissimi. O consultabili nei siti,,,,, O ancora leggendo gli archivi di Amnesty International o Human Rights Watch, o ne “La Questione Palestinese” della libreria delle Nazioni Unite a New York.

E torno al “tradimento degli intellettuali” nostrani. Vi sono aspetti di quel fenomeno che sono fin disperanti. Il primo è l’ignoranza in materia di conflitto israelo-palestinese di alcuni di quei personaggi, Marco Travaglio per primo; un’ignoranza non scusabile, per le ragioni dette sopra, ma anche ‘sospetta’ in diversi casi.

Un secondo aspetto è l’ipocrisia: l’evidenza di cui sopra è soverchiante nel descrivere Israele come uno Stato innanzi tutto razzista, poi criminale di guerra, poi terrorista, poi Canaglia, poi persino neonazista nelle sue condotte come potere occupante. Ricordo il 17 novembre 1948, quando Aharon Cizling, allora ministro dell’agricoltura della neonata Israele, sorta sui massacri dei palestinesi innocenti, disse: “Adesso anche gli ebrei si sono comportati come nazisti, e tutta la mia anima ne è scossa”. Ricordo Albert Einstein, che sul New York Times del dicembre 1948 definì l’emergere delle forze di Menachem Begin (futuro premier d’Israele) in Palestina come “un partito fascista per il quale il terrorismo e la menzogna sono gli strumenti”. Ricordo Ephrahim Katzir, futuro presidente di Israele, che nel 1948 mise a punto un veleno chimico per accecare i palestinesi, e ne raccomandò l’uso nel giugno di quell’anno. Ricordo Ariel Sharon, che sarà premier, e che nel 1953 fu condannato per terrorismo dal Consiglio di Sicurezza dell’ONU con la risoluzione 101, dopo che ebbe rinchiuso intere famiglie palestinesi nelle loro abitazioni facendole esplodere. Ricordo l’ambasciatore israeliano all’ONU, Abba Eban, che nel 1981 disse a Menachem Begin: “Il quadro che emerge è di un Israele che selvaggiamente infligge ogni possibile orrore di morte e di angoscia alle popolazioni civili, in una atmosfera che ci ricorda regimi che né io né il signor Begin oseremmo citare per nome”. Ricordo la risoluzione ONU A/RES/37/123, che nel dicembre del 1982 definì il massacro dei palestinesi a Sabra e Chatila sotto la “personale responsabilità di Ariel Sharon” un “atto di genocidio”. Ricordo le parole dello Special Rapporteur dell’ONU per i Diritti Umani, il sudafricano John Dugard, che nel febbraio del 2007 scrisse che l’occupazione israeliana era Apartheid razzista sui palestinesi, e che Israele doveva essere processata dalla Corte di Giustizia dell’Aja. Ricordo le parole dell'intellettuale ebreo Norman G. Finkelstein, i cui genitori furono vittime dell’Olocausto: “Ma se gli israeliani non vogliono essere accusati di essere come i nazisti, devono semplicemente smettere di comportarsi da nazisti.” Ricordo che esistono prove soverchianti che Israele usa bambini come scudi umani; che lascia morire gli ammalati ai posti di blocco; che manda i soldati a distruggere i macchinari medici nei derelitti ospedali palestinesi; che viola dal 1967 tutte le Convenzioni di Ginevra e i Principi di Norimberga; che ammazza i sospettati senza processo e con loro centinai di innocenti; che punisce collettivamente un milione e mezzo di civili esattamente come Saddam Hussein fece con le sue minoranze shiite; che massacra 19.000 o 1.000 civili a piacimento in Libano (1982, 2006) e poi reclama lo status di vittima del ‘terrorismo’. Ricordo che il Piano di Spartizione della Palestina del 1947 fu rigettato da Ben Gurion prima ancora che l'ONU lo adottasse, e che esso privava i palestinesi di ogni risorsa importante (dai Diari di Ben Gurion). Ricordo che la guerra arabo-israeliana del 1948 fu una farsa dove mai l’esercito ebraico fu in pericolo di sconfitta, tanto è vero che Ben Gurion diresse in quei mesi i suoi soldati migliori alla pulizia etnica dei palestinesi (sempre dai Diari di Ben Gurion); che la guerra dei Sei Giorni nel 1967 fu un’altra menzogna, dove ancora Israele sapeva in aticipo di vincere facilmente “in 7 giorni”, come disse il capo del Mossad Meir Amit a McNamara a Washington prima delle ostilità, e mentre l’egiziano Nasser tentava disperatamente di mediare una pace (dagli archivi desecretati della Johnson Library, USA); che gli incontri di Camp David nel 2000 furono un inganno per distruggere Arafat, come ho dimostrato in “Perché ci Odiano” intervistando i mediatori di Clinton; che i governi di Israele hanno redatto 4 piani in sei anni per la distruzione dell'Autorità Palestinese sancita dagli accordi di Oslo mentre fingevano di volere la pace (nomi: Fields of Thorns, Dagan, The Destruction of the PA, ed Eitam); che la tregua con Hamas che ha preceduto l’aggressione a Gaza fu rotta da Israele per prima il 4 novembre del 2008 (The Guardian, 5/11/08 – Ha’aretz, 30/12/08), con l’assassino di 6 palestinesi. E queste sono solo briciole della mole di menzogne che ci hanno raccontato da sempre sulla 'epopea' sionista.

Ricordo infine Ben Gurion, il padre di Israele, che lasciò scritto: “Dobbiamo usare il terrore, l’assassinio, l’intimidazione, la confisca delle loro terre, per ripulire la Galilea dalla sua popolazione araba”. E ancora: “C’è bisogno di una reazione brutale. Se accusiamo una famiglia, dobbiamo straziarli senza pietà, donne e bambini inclusi. Durante l’operazione non c’è bisogno di distinguere fra colpevoli e innocenti”. Quell'uomo pronunciò quelle agghiaccianti parole 20 anni prima della nascita dell’OLP, più di 30 anni prima della nascita di Hamas, 50 anni prima dell’esplosione del primo razzo Qassam su Sderot in Israele.

Ricordo ai nostri ‘intellettuali’ di andarle a leggere queste cose, che sono in libreria accessibili a tutti, prima di emettere sentenze.

E l’ipocrisia sta nel fatto che questi negazionisti di tali orrori storici possono scrivere le enormità che scrivono sulla tragedia di Gaza, sulla Pulizia Etnica dei palestinesi, e possono dichiararsi filo-israeliani “appassionati” (Travaglio) senza essere ricoperti di vergogna dal mondo della cultura, dai giornalisti e dai politici come lo sarebbe chiunque negasse in pubblico l’orrore patito per decenni dalle vittime dell’Apartheid sudafricana, o i massacri di pulizia etnica di Srebrenica e in tutta la ex Jugoslavia.

Il mio appello a questi colti mistificatori è: continuare a seppellire sotto un oceano di menzogne, di ipocrisia, sotto l’indifferenza allo strazio infinito di un popolo, sotto la vostra paura o la vostra convenienza, la grottesca sproporzione fra il torto di Israele e quello palestinese, causa e causerà ancora morti, agonie, inferno in terra per esseri umani come noi, palestinesi e israeliani. Sono più di cento anni che il nostro mondo li sta umiliando, tradendo, derubando, straziando, con Israele come suo sicario. Sono 60 anni che chiamiamo quelle vittime “terroristi” e i terroristi “vittime”. Questo è orribile, contorce le coscienze. Non ci meravigliamo poi se i palestinesi e i loro sostenitori nel mondo islamico finiscono per odiarci. Dio sa quanta ragione hanno, cari 'intellettuali'.

Paolo Barnard

Fulvio Grimaldi: questione nazionale e internazionalismo: oggetti smarriti

....Qui, della famigerata ed esorcizzata lotta di classe si tratta. E non nei termini dell’atrofizzazione dogmatica di certi miei critici. Dico cose scontate: come ci sono negli Stati della borghesia capitalista classi da spremere e, se del caso, sopprimere, così ci sono, con le stesse identiche connotazioni sociali, ma in più anche nazionali, popoli proletari che vorrebbero acquisire i diritti dell’uguaglianza sociale e sanno che la loro conquista dipende in primis dal diritto dell’uguaglianza degli Stati. Dalla sovranità. Quella sovranità da noi ceduta nel secolo scorso e che mi echeggiava nelle orecchie come esigenza primaria, in ogni paese latinamericano percorso. Non mi si venga qui a barbugliare di proletari ebrei e proletari arabi che dovrebbero unirsi contro i padroni, sennò non se ne fa niente. Si impari dai nordirlandesi che, con la borghesia anglo-unionista che gli aveva scatenato addosso i proletari fascisti protestanti lobotomizzati, sapevano come la rivoluzione passasse per la sovranità nazionale del loro paese riunificato. Qui coloro che blaterano per il superamento degli Stati nazione sono graditissimi ciambellani ai party degli Stati più forti e delle élites che ne sono foraggiate e protette.....
Intanto, stiamo in guardia: tutto quello che questi rigurgiti di barbarie vanno facendo in giro per il mondo, sono prove di laboratorio per arrivare preparati all’immancabile scontro finale tra capitale e anticapitalismo generato dalla crisi. Potete immaginare il terrore dei padroni davanti a quelle masse senza più niente da perdere che si muoveranno, poniamo, per riprendersi le acque sequestrate dai ladri di beni comuni, per riaprire i forni limitati alla produzione di brioches per ricchi, o rioccupare col grano non inquinato da geni alieni i campi sottratti al nutrimento umano e destinati a quello delle auto ammazzamondo, o sostituire nelle scuole l’intelligenza e la conoscenza alla protervia e al rincretinimento aziendalista, o prendersi le città, le produzioni, il mare, l’aria? Ve lo immaginate?...
Risuona, come il lamento della tramontana tra gli alberi, l’affannata domanda: cosa possiamo fare. Laggiù per ora niente. Solo capire e capire vuol dire rispettare i popoli e le loro scelte, comprendere i progetti, il quadro generale, i collegamenti, insomma la geopolitica. A fare cose concrete, visto che Israele non ammette testimoni, ci pensa per noi Vittorio Arrigoni che ieri ha rifiutato il suggerimento della nostra diplomazia e degli israeliani di far parte dell’ultimo gruppo di stranieri in uscita da Gaza. Leggetelo sul “manifesto”, nobilita quella testata.....
Nessuno mi toglie di testa che ai nazifascisti si reagisce con tutto quello che puoi rimediare e che, nella situazione attuale, il movimento antagonista deve diffondere coscienza di tre libertà da rivendicare.
La libertà nazionale, che è quella che fa rizzare i peli di tanti compagni che darebbero l’anima per la libertà nazionale, cioè la sovranità, dei palestinesi, boliviani, cubani, curdi, baschi, irlandesi, magari sudtirolesi. Noi non ne abbiamo che l’impalcatura costituzionale, che, del resto, va perdendo pezzi a ogni passaggio di Gellisconi. Dal 1945 la nostra sovranità nazionale ha le manette di una subordinazione coloniale che vaioleggia tutto il territorio, alimenta lo stragismo terrorista di Stato, ci fa base e obiettivo di guerre, eventualmente nucleari. Il paese è totalmente mafizzato da una potenza predatrice interna che, in base agli accordi tra padrini e Washington del 1945, fa capo alla criminalità organizzata politico-economica delle potenze occidentali. Non c’è mossa dei nostri apparati di “sicurezza” che non risponda a dettami di Washington o Tel Aviv. L’ìntero Settentrione del paese è malgovernato e pervertito culturalmente e l’unità nazionale è minata da una forza politica che risponde agli interessi espansionistici di uno Stato del Nord.
La libertà legale, la legge uguale per tutti, la Costituzione e gli statuti rispettati. Qui si dà da fare, strumentalmente o meno non importa, quel Di Pietro alle cui manifestazioni certi compagni non andrebbero neanche se glielo chiedesse Lenin. Dimenticano questi compagni che la legalità sarà pure borghese, ma gliela abbiamo strappata noi. Pensate che esistesse la norma universale che “la legge è uguale per tutti” prima della rivoluzione francese, prima dell’indipendenza nazionale, e che lo statuto dei lavoratori ci sia stato benevolmente elargito da Agnelli e Mediobanca, che, andando indietro, non ci sarebbero ancora la schiavitù (che intanto ritorna) o le 17 ore di lavoro (che pure stanno tornando) se non fosse stato per classi in rivolta e per i loro martiri? E allora arricciamo il naso su chi si batte contro il Lodo Alfano, la truffa lavoricida dell’Alitalia, le intemerate contro quei pochi giudici che ancora osano perseguire i potenti? Diceva Niemoller più o meno così: dopo la legge che gli permette di far fuori gli zingari, di lagerizzare gli ebrei, di uccidere i comunisti, e noi siamo stati zitti, verrà promulgata anche quella contro di noi. E non ci sarà più nessuno a obiettare.
La libertà sociale è quella sulla quale ci troviamo d’accordo tutti. La fame è fame e, come dice il Che, l’alienazione è alienazione, il precariato è morte civile e sociale, l’ambiente è specie a rischio, la scuola ti mastica e di caga e per lo sciopero c’è la precettazione. Solo che a infilare la testa tutt’intera nella battaglia per questa libertà, si rischia di finire come lo struzzo: che ti si fanno da dietro. Negli ultimi tempi il discorso internazionale era svaporato nelle assise dei compagni. Era come se si fosse tagliato il filo che lega tutto. Iniziative contro la guerra? L’Afghanistan e i nostri ascari Nato? L’Iraq dalle ultime mani che spuntano dal naufragio? Tutto svaporato. Vicenza e la base d’assalto e di controllo interno, le altri basi Usa e Nato, i nostri porti requisiti dalle flotte imperiali, le atomiche a casa nostra, lo scorazzare di servizi segreti malintenzionati e terroristi, l’innesto della nostra classe politica nella malapianta USraeliana, i nostri ascari subimperialisti mandati a caccia di teste, prima serbe, poi musulmane, il nostro giornalismo alimentato, come quell’orsacchiotto semovente col tamburo, dalle pile caricate nei monopoli dell’informazione imperialista…
Questo millennio è iniziato con un tasso di sadismo e criminalità delle élites regnanti giudaicocristiane che non ha l’uguale negli albori di altri millenni. Se passa Israele e il suo progetto di pulizia etnica dal mare al Giordano e molto oltre, se passano gli Stati Uniti, se passa l’UE, passa il fascismo, probabilmente la fine del mondo verrà anticipata di qualche evo. Per averli conosciuti, credo che quello che i palestinesi ci chiedono è di riprendere a pretendere: “Via le nostre spedizioni militari all’estero, via le basi straniere dal nostro suolo, fuori l’Italia dalla Nato, fuori la Nato dall’Italia.” Non è più il tempo dei volontari internazionalisti accanto ai fedayin. Quelli erano tempi! Li ho frequentati e come li rimpiango! Ma anche gli obiettivi del nostro tempo non sono male. Basta vederli. Tutto questo non ci esime di urlare per Hamas e per chiunque difenda la Palestina, ebrei non nazisionisti in testa, fino a irrompere nei cervelli della gente, a ricattare una classe politica modellata nella melma, a far viaggiare fino all’ultimo orizzonte l’immagine d’ Israele nazificato. Rispetto a quelle negli altri paesi imperialisti, le manifestazioni in Italia sono state patetiche. Downing Street è stata sommersa da sputi e scarpe. Un tempo eravamo i primi. La caduta dell’internazionalismo si paga.

"Hamas non è il mostro. E' il figlio del mostro. Il mostro si chiama occupazione"

Cara Achinoam Nini,
ho scelto di rispondere a te e non all'intera destra rabbiosa, perchè credo che il tradimento del campo della pace superi il danno causato dalla destra di migliaia di volte. La facilità con cui il campo della pace si accoda ai ruggiti di guerra ostacola la creazione di un significativo movimento che possa dare una vera resistenza all'occupazione.
Tu ruoti gli occhi,usi le tue parole d'amore al servizio dei tuo popolo conquistatore e chiedi ai paletinesi di arrendersi con voce tenera. Tu dai ad Israele il ruolo di liberatore. Ad Israele - che, per oltre 60 anni, li ha occupati e umiliati. "Io so dove è il vostro cuore! E' proprio dove è il mio, con i miei figli, con la terra, con il cielo, con la musica, con la SPERANZA!" scrivi, ma Achinoam, noi abbiamo preso la loro terra e imprigionati nel ghetto chiamato Gaza. Abbiamo coperto i loro cielo con i jet da combattimento, svettanti come angeli dell'inferno e seminando morte a caso. Di quale speranza stai parlando? Abbiamo distrutto ogni possibilità di moderazione e di vita in comune nel momento in cui abbiamo saccheggiato la loro terra, mentre eravamo seduti con loro al tavolo del negoziato. Possiamo avere parlato di pace, ma li abbiamo derubati anche degli occhi. Essi volevano la terra data loro dal diritto internazionale, e noi abbiamo parlato in nome di dio.
Chi sarebbero i laici di Gaza che si dovrebbero ribellare, quando abbiamo calpestato il diritto internazionale, e quando il resto del mondo illuminato ignora il loro grido? Quando l'illuminismo fallisce e la moderazione è vista come una debolezza, il fanatismo religioso dà un senso di forza. Forse, se pensi alla situazione mentale della popolazione sotto assedio di Masada, potresti capire meglio il senso di ciò che sta accadendo a Gaza. I laici a Gaza trovano difficile parlare contro Hamas quando il loro ghetto è stato bombardato tutto il giorno e tutta la notte. Tu probabilmente diresti che 'non ci sarebbe bisogno di sparare su di loro se loro smettessero di farlo' ma loro sparano perchè stanno combattendo per qualcosa di più del diritto di vivere nella prigione chiamata Gaza. Loro si battono per il diritto di vivere come cittadini liberi in un paese indipendente - proprio come facciamo noi.
"So che nel profondo del vostro cuore VOI DESIDERATE la scomparsa di questa bestia chiamata di Hamas che vi ha terrorizzato e ucciso, che ha trasformato Gaza in un mucchio di immondizia fatto di povertà, malattie e miseria", scrivi.
Ma Hamas non è il mostro, il mia cara Achinoam. È il figlio del mostro . L'occupazione israeliana è il mostro. Essa e solo essa è responsabile per la povertà e la malattia e l'orrore. Siamo stati così spaventati dalla sua leadership laica, che ha minato la nostra visione della Terra di Israele, che abbiamo scelto di finanziare e sostenere Hamas, nella speranza che da una politica di divide et impera avremmo potuto andare avanti con l'occupazione per sempre, ma quando la cosa ci si è ritorta contro, tu scegli di incolpare l'effetto invece della causa.
Tu scrivi: "Io posso solo desiderare per voi che Israele farà il lavoro che tutti noi sapiamo deve essere fatto, e, infine, VI LIBERI da questo cancro, questo virus, questo mostro chiamato fanatismo, e oggi chiamato Hamas. E che questi assassini scoprano quanta compassione possa ancora esistere nei loro cuori e SMETTANO di utilizzare voi e i vostri bambini come scudi umani per la loro viltà e crimini ". Sarebbe lo stesso se la tua sorella palestinese scrivesse: "Speriamo che Hamas faccia il lavoro per voi, e vi liberi della Destra ebraica".
Quindi, forse, invece di ordinare a un popolo al quale abbiamo asportato chirurgicamente ogni barlume di speranza, potresti aiutare i tuoi fratelli e sorelle in Palestina a liberarsi dall'occupazione, dall'oppressione e dall'arrogante colonialismo inflitto dal tuo paese.
Solo allora li puoi invitare a lottare democraticamente e riportare la Palestina allo stato mentale in cui era prima che noi li spingessimo in un angolo del muro che abbiamo costruito.
E se i tuoi fratelli in Palestina scelgono Hamas, devi rispettare la loro scelta, proprio come le nazioni del mondo hanno rispettato Israele quando ha scelto l'omicida Sharon. Hamas lo devono combattere loro, proprio come tu hai combattuto lui. Questa è la democrazia. Solo allora potrete tu e i tuoi fratelli da entrambe le parti diPalestina e Israele condividere - da uguali - la gioia della terra, il cielo e la musica; solo allora riusciremo a combattere insieme per la parità, per ogni uomo e ogni donna che vivono nella nostra terra santa. Amen.
Udi Aloni

la traduzione è mia che parlo poco inglese, ma ci ho provato perchè meritava. Questa è compassione in senso pieno, ovvero assoluta condivisione del pensiero dell'altro e capacità di comprenderne il pensiero e le pulsioni. Di persone come il figlio di Shulamit Aloni ce ne vorrebbero a milioni in Israele. Ma non solo lì, in tutto il sedicente mondo civilizzato occidentale. Dobbiamo tutti cambiare radicalmente il nostro modo di rapportarci coi paesi più poveri, non c'è futuro senza condivisione delle risorse e delle passioni.

venerdì 9 gennaio 2009

falsi storici della propaganda angloamericana a copertura dei propri crimini o a invenzione di crimini altrui

L’ONU massacrò oltre 100 mila civili sospettati di essere comunisti in Corea

Le autorità sudcoreane hanno scoperto nel Paese fosse comuni
contenenti migliaia di resti umani, compresi bambini. Le
documentazioni finora messe insieme proverebbero che almeno 100 mila
civili sono stati massacrati durante la guerra di Corea (1950-1953) da
forze alleate delle Nazioni Unite, perché simpatizzanti comunisti o
presunti tali. In alcuni casi, le forze americane sono state accusate
di essere state presenti durante i massacri e in almeno un caso un
funzionario americano avrebbe autorizzato lo sterminio di un gruppo di
prigionieri. Le ricerche negli archivi degli Stati Uniti hanno
rinvenuto documenti su un colonnello americano che diede la sua
approvazione ad un massacro in cui furono fucilati 3.500 filo-
comunisti. Il professor Kim Dong-Choon ha detto che vi sono stati
almeno quattro casi documentati di bombardamenti americani sui civili.
Gli americani temevano potessero esserci infiltrati tra di loro.
Inoltre, forze USA erano presenti a due importanti massacri di
migliaia di persone: Busan e Daejeon. Anche gli inglesi compaiono nei
rapporti della Commissione, ma solo per sottolineare che essi non
fecero sforzi sufficienti per fermare i massacri o per far pressione
sugli americani, anche se in alcuni casi vi furono anche prese di
posizione ufficiali. Finora era noto che fossero state commesse
atrocità da entrambe le parti ogni volta che il fronte si spostava
avanti e indietro ma i nuovi dati suggeriscono vi sia stato un piano
di liquidazione di coloro che erano sospettati di simpatie comuniste
mentre i nordcoreani avanzavano, e poi di nuovo contro i
collaborazionisti, allorché gli Alleati avanzarono nuovamente verso il
38° parallelo. L'inchiesta, condotta dalla Commissione nazionale
"Verità e Riconciliazione”, è molto controversa, e si teme possa
screditare la politica filo-americana della Corea del Sud.

Il Lusitania trasportava davvero materiale bellico
L’affondamento del piroscafo inglese Lusitania (7 maggio 1915), con
quasi 1.200 civili a bordo, provocò un tale sdegno nell’opinione
pubblica degli Stati Uniti da favorire l’intervento nella Prima guerra
mondiale di Washington circa due anni più tardi. Così dice la storia,
aggiungendo che il sommergibile tedesco non aveva alcun motivo di
attaccare una nave passeggeri anche se di un paese nemico. Ma ora,
sommozzatori hanno trovato armi nella stiva del Lusitania, indicando
che i tedeschi hanno sempre avuto ragione nel sostenere che la nave
stava trasportando materiale bellico e che quindi era un obbiettivo
militare legittimo. Il vascello, diretto da New York a Liverpool,
venne affondato a sole otto miglia a largo della costa irlandese.
Affermando che il Lusitania era solo una nave passeggeri, gli inglesi
accusarono subito i “pirati unni” di aver massacrato dei civili. Il
disastro venne usato per sobillare l’odio contro i tedeschi,
soprattutto negli Stati Uniti, da dove provenivano 128 delle 1.198
vittime. Robert Lansing, il segretario di Stato USA, scrisse in
seguito che l’affondamento gli diede “la convinzione che alla fine
saremmo diventati l’alleato dell’Inghilterra”. Agli americani venne
persino detto, falsamente, che ai bambini tedeschi era stato concesso
un giorno di vacanza per celebrare l’affondamento del Lusitania. La
squadra di sommozzatori che ha scoperto il carico ritiene che
giacciano nella stiva del Lusitania circa quattro milioni di
proiettili Remington 303 fabbricati negli Stati Uniti. La scoperta può
aiutare a spiegare perché una nave lunga 241 metri come il Lusitania
sia affondata in 18 minuti a causa di un solo siluro tedesco giunto a
colpire il suo scafo. Alcuni dei 764 sopravvissuti riferirono inoltre
di una seconda esplosione che può essere stata provocata dalle
munizioni. Winston Churchill, che fu dapprima Lord dell’Ammiragliato e
che a lungo è stato sospettato di conoscere le circostanze
dell’attacco più di quanto avesse lasciato credere in pubblico,
scrisse in una lettera confidenziale poco dopo l’affondamento: “E’
della massima importanza attrarre le navi neutrali sulle nostre rive,
soprattutto nella speranza di coinvolgere gli Stati Uniti contro la
Germania. Da parte nostra vogliamo il traffico – più ce n’è meglio è -
e se qualcuno finisce nei guai, ancora meglio”.

Gaza, sempra Gaza, fortissimamente Gaza

giovedì 8 gennaio 2009

Partigiani e deportati come le truppe di Salò

Un progetto di legge, numero 1360, e un colpo di mano che metterà il Parlamento di fronte alla scelta di equiparare i partigiani che combatterono contro il fascismo e il nazismo, contro la guerra praticata da Benito Mussolini a fianco di Adolf Hitler, per la liberazione dell'Italia da un'infame dittatura interna ed esterna, con i miliziani della Repubblica di Salò, le truppe irriducibili che volevano continuare a tenere il Paese a ferro e fuoco, quelli che consegnarono migliaia di ragazzi italiani nelle mani dei rastrellatori tedeschi e gli ebrei del ghetto di Roma, di Venezia, di Torino, di Milano, nelle mani dei loro torturatori e di chi li avrebbe avviati ai lager e ai forni crematori.
Il progetto di legge - firmato in sostanza da parlamentari del "Popolo delle libertà" come Nicola Cristaldi, ex presidente dell'Assemblea regionale siciliana, o dal vicesindaco di Milano Riccardo De Corato, noti eredi del Fuan, del Movimento sociale italiano e di Alleanza nazionale, ma anche da qualche esponente (che poi ha ritirato la firma) del Partito democratico di dubbia memoria storica come Paolo Corsini, ex sindaco di Brescia, che pure ha scritto il libro Da Salò a Piazza della Loggia ed è stato presidente del suo gruppo in Commissione Stragi - è in discussione ora, al rientro dalle vacanze natalizie, al primo punto dei lavori in corso alla Commissione Difesa della Camera dei deputati, il cui presidente Edmondo Cirielli (sì, proprio lui, anch'egli proveniente dai vertici irpini di An, nonché dall'alta formazione militare dell'Accademia della Nunziatella) ne è anche il relatore. Tanto per dire quale rilievo e importanza venga attribuito a una tale proposta dal centrodestra, più precisamente dall'"ala nera" del centrodestra, suscitando peraltro molti dubbi e distinguo, espressi in Commissione, tra le file della Lega.
Si tratta infatti di un nuovo capitolo di quel processo di omologazione (tutti ugualmente buoni oggi, tutti ugualmente cattivi ieri, o tutti eroi posti sullo stesso altarino), di ricostruzione di una verginità ideologica e di "revisionismo storico", ovvero di riscrittura della realtà storica per come quelli di noi che hanno un po' più di sessant'anni hanno vissuto e ricordano assai bene e con molto dolore, cui hanno contribuito non poco le prese di posizione, in nome di una presunta "memoria condivisa" e declamata "riconciliazione nazionale", molti rappresentanti "al di sopra di ogni sospetto" del centrosinistra, come l'ex presidente della Camera Luciano Violante, ma anche il lavoro di ricerca e riedizione (o di pentimento e confessione, sulla via di una laicità trascesa al misticismo in nome della "verità" ex post) di esponenti dell'intellighenzia che si è sempre detta vicina al centrosinistra: prima al Psi di Craxi, poi al Pci di Berlinguer, adesso al Pd di Veltroni.
Sta di fatto che l'Associazione nazionale partigiani italiani (Anpi) e le altre organizzazioni che rappresentano gli ex internati (Anei), gli ex deportati (Aned), i perseguitati politici (Anppia) e l'Associazione nazionale famiglie italiane martiri caduti per la libertà della patria (Anfim), sono in forte allarme. Innanzitutto perché il primo firmatario del progetto di legge numero 1360 è quell'onorevole Lucio Barrani, ex sindaco di Aulla e di Villafranca in Lunigiana, che ha fatto erigere nella piazza principale di Aulla la statua a grandezza naturale di Bettino Craxi in marmo bianco di Carrara e ha apposto a Villafranca una lapide commemorativa che dice: «In ricordo di Benito Mussolini, ospite in questo borgo nel triste gennaio 1945, quando reduce dalle retrovie della linea gotica s'avviava al tragico epilogo della sua vita avventurosa».
Si tratta dello stesso sindaco che, dopo aver dichiarato il suo comune "dedipietrizzato" ai tempi di Tangentopoli, ha deliberato la posa in opera in tutto il territorio municipale di cartelli stradali che indicano e impongono il "divieto di prostituzione".
Ma l'allarme vero delle associazioni partigiane, raccolto da alcuni parlamentari, storici e giuristi, che martedì prossimo ne discuteranno nella Sala del Cenacolo di Vicolo Valdina a Roma, in un confronto su «Totalismo e democrazia» presieduto da Armando Cossutta, riguarda proprio il contenuto della proposta di legge che, partendo da un antefatto "nobile" quale la costituzione dell'Ordine di Vittorio Veneto, che prevede il riconoscimento dei meriti e dei diritti dei combattenti e reduci impegnati sui due fronti della Grande Guerra, vorrebbe adesso istituire in parallelo il cosiddetto "Ordine del Tricolore" (e il nome è già un primo indizio) nonché il conseguente «adeguamento dei trattamenti pensionistici di guerra» (secondo indizio ben preciso e mirato).
Il senatore Cossutta ci ha detto che «già nelle ultime legislature era stata avanzata analoga proposta. Siamo però sempre riusciti a impedirglielo. Ma adesso si prepara un vero e proprio colpo di mano, inaccettabile sotto il profilo morale e politico, oltre che da un punto di vista giuridico e storico, che equipara quelli che facevano i rastrellamenti per conto dei tedeschi a chi è stato internato nei campi di concentramento e a chi ha fatto la Resistenza».
Assieme a lui ne discuteranno lo storico Claudio Pavone, il vicepresidente vicario dell'Anpi Raimondo Ricci, la deputata del Partito democratico Marina Sereni, il presidente emerito della Corte costituzionale Giuliano Vassalli, «per cercare di avviare un campagna di informazione e di chiarificazione», perché i proponenti, nella presentazione della proposta di legge, scrivono: «L'istituzione dell'Ordine del Tricolore deve essere considerata un atto dovuto verso tutti coloro che impugnarono le armi e operarono una scelta di schieramento convinti della "bontà" (sic, con tanto di virgolette!) della loro lotta per la rinascita della Patria».
L'articolo 2 prevede che tale onorificenza (e quello che ne consegue) sia conferita: «A coloro che hanno prestato servizio militare per almeno sei mesi, anche a più riprese, in zona di operazioni, nelle Forze armate italiane durante la guerra 1940-1945 e che siano invalidi; a coloro che hanno fatto parte delle formazioni armate partigiane o gappiste, regolarmente inquadrate nelle formazioni dipendenti dal Corpo volontari della libertà, oppure delle formazioni che facevano riferimento alla Repubblica sociale italiana; ai combattenti della guerra 1940-1945; ai mutilati e invalidi della guerra 1940-1945 che fruiscono di pensioni di guerra; agli ex prigionieri o internati nei campi di concentramenti o di prigionia, nonché ai combattenti nelle formazioni dell'esercito nazionale repubblicano durante il biennio 1943-1945». Che poi sarebbero quelli che dopo l'8 settembre 1943 fecero la guerra ai partigiani, all'esercito di liberazione, ai militari agli ordini del generale Badoglio, alle forze armate alleate sbarcate in Sicilia e ad Anzio e alle truppe che combatterono contro l'esercito tedesco in ritirata. Insomma, quelli che fino all'ultimo furono i fiancheggiatori dei nazisti e i torturatori delle popolazioni civili che resistettero alle Squadre Speciali in fuga.
E per essere sicuri che le benemerenze siano "equamente" assegnate e ripartire, l'articolo 4 che definisce la composizione dell'Ordine del Tricolore precisa: «Il Capo dell'Ordine è il Presidente della Repubblica. L'Ordine è retto da un Consiglio composto da un tenente generale o ufficiale di grado corrispondente che lo presiede, da due generali, di cui uno dell'Aeronautica militare, e da un ammiraglio, in rappresentanza delle Forze armate; dal presidente dell'Associazione nazionale combattenti della guerra di liberazione inquadrati nei reparti regolari delle Forze armate italiane che hanno partecipato alla guerra di liberazione; dal presidente dell'Associazione nazionale combattenti e reduci; dal presidente dell'Associazione nazionale partigiani d'Italia e dal presidente dell'Istituto storico della Repubblica sociale italiana, nominati dal Presidente della Repubblica su proposta del ministro della Difesa».
Si prevedono, tra le altre cose, «200 milioni di euro l'anno, a decorrere dal 2009», di «adeguamento pensionistico», compreso quello per l'«assegno supplementare spettante alle vedove». E siccome tali risorse non erano previste né nel dispositivo di bilancio di quest'anno né nella legge finanziaria triennale che resterà in vigore fino al 2011, si dà mandato al ministro dell'Economia e delle Finanze di «apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni di bilancio».

se i signori deputati ebrei della PDL e i capi della comunità ebraica che menano vanto di andare a braccetto con gli Alemanno e i Fini tacciono ora, non osino MAI PIU' accusare chiunque di antisemitismo dopo che in cambio dell'appoggio a Israele consentono ai fascisti di equiparare i carnefici dei loro avi alle vittime

Gaza ora e sempre. Palestina libera, governo israeliano all'Aja

Akiva Eldar: Israele e la logica coloniale a Gaza e nei T.O.
Danilo Zolo : a Gaza stiamo assistendo allo splendore del supplizio
Michel Warschawski: Israele è l’occupante. Il resto è menzogna
Gaza, almeno 220 bambini palestinesi uccisi dall'inizio dell'attacco israeliano
Times: Dobbiamo correggere l'immagine distorta che abbiamo di Hamas
Nel nome del popolo palestinese di Tariq Ramadan
la Cnn conferma che la tregua è stata rotta da Israele
il Nobel per la Pace Maguire: l'Onu crei un Tribunale Criminale internazionale per Israele

martedì 6 gennaio 2009

Lettera aperta a Barack Hussein Obama

1° gennaio 2009
Caro signor presidente,
Non ho votato per lei nell'elezione presidenziale perché sono malese. Ma mi considero uno dei suoi spettatori, perché ciò che fa o dice che farà, interesserà me e pure il mio paese. Accolgo favorevolmente la vostra promessa di cambiamento. Certamente il vostro paese, gli Stati Uniti d'America, ha bisogno di molti cambiamenti, ciò perché l'America e gli Americani sono divenuti il popolo più odiato nel mondo. Neanche gli europei gradiscono la vostra arroganza..
Tuttavia, una volta eravate ammirati ed accettati perché avete liberato molti paesi dall’occupazione e dall'assoggettamento.
È abitudine, nel primo giorno del nuovo anno, che le persone si facciano gli auguri. Dovete aver già ricevuto degli auguri, ma mi permetto di suggerirle, gentilmente, di compiere le seguenti azioni, nel perseguimento del cambiamento.
1) La finisca con gli assassini. Gli Stati Uniti sono troppo presi dall’assassinio nel realizzare i propri obiettivi. La chiamate guerra, ma le guerre di oggi non vedono solo i militari di carriera combattere e uccidere. È piuttosto il popolo che viene ucciso, centinaia di migliaia di persone comuni e innocenti. Interi paesi sono devastati. La guerra è primitiva, il modo dei trogloditi di occuparsi di un problema. Arrestato la vostra accumulazione di armi e la vostra progettazione di guerre future.
2) La finisca col vostro supporto indiscriminato, in soldi ed armi, agli assassini israeliani. Gli aerei e le bombe che uccidono il popolo di Gaza, provengono da voi.
3) Smetta di applicare sanzioni contro paesi che non possono fare lo stesso contro di voi. Nell'Irak le vostre sanzioni hanno ucciso 500.000 bambini privandoli delle medicine e degli alimenti. Altri nascono deformi. Che cosa avete ricavato con questa crudeltà? Niente, tranne l'odio delle vittime e delle persone rette.
4) Impedisca ai vostri scienziati e ai ricercatori d’inventare nuove e sempre più diaboliche armi, per uccidere più efficacemente e più persone.
5) Fermi la produzione della vostra industria d’armi. Fermi le vendite di vostre armi al mondo. È denaro sporco di sangue che guadagnate. Non è Cristiano.
6) Smetta di provare a democratizzare tutti i paesi del mondo. La democrazia può funzionare per gli Stati Uniti ma non funziona sempre per altri paesi. Il popolo non deve essere ucciso solo perché non è democratico. La vostra crociata per democratizzare i paesi ha ucciso più gente che i governi autoritari che avete rovesciato. E comunque, non state vincendo.
7) Fermi quei casinò che chiamate istituzioni finanziarie. Fermi gli hedge funds, i derivati ed il commercio di valuta. Fermi le banche dal prestare miliardi di soldi inesistenti. Regoli e sorvegli le vostre banche. Imprigioni le canaglie che hanno realizzato profitti con l'abuso del sistema.
8) Firmi il protocollo di Kyoto ed altri accordi internazionali.
9) Mostri rispetto per le Nazioni Unite.
Ho molti altri consigli per il cambiamento che penso dovrebbe considerare ed intraprendere, ma credo che abbia già abbastanza sul suo tavolo, per questo 2009° anno dell'era cristiana.
Se potrà compiere soltanto uno delle cose che le ho suggerito, sarà ricordato dal mondo come un grande leader. Allora gli Stati Uniti saranno ancora una nazione ammirata. Le vostre ambasciate potranno abbattere gli alti recinti e i fili spinati che li circondano.
Le auguro un felice anno nuovo e una grande presidenza.
Cordiali saluti,
Dott. Mohamad Mahathir (Ex Primo Ministro della Malesia)

sabato 3 gennaio 2009

Gaza again

Comunicato del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina
intervista a Richard Falk su Israele e Gaza

«Nessun new deal» Le illusorie speranze riposte in Obama

«Molte delle aspettative e delle speranze che gli americani hanno riposto in Barack Obama per superare la disastrosa crisi economica, verranno presto disattese. La sua elezione alla presidenza degli Stati uniti costituisce per tutti un gran sollievo dopo gli anni bui di George W. Bush e Co. Ma l'illusione di un partito Democratico come veicolo per un cambiamento significativo e di una vera trasformazione strutturale di questa società devono essere accantonate». E' con questa analisi radicale, fatta a poche settimane dall'elezione di Obama, che inizia l'intervista con Stanley Aronowitz docente alla City University di New York. Aronovitz, tra i più acuti analisti marxisti della società americana, autore e saggista, candidato per le elezioni al governatorato di New York nel 2002, è stato leader sindacale fra i più temuti dall'industria metallurgica durante le lotte degli anni Ottanta. È autore di un nuovo «Manifesto», pubblicato e distribuito in ottobre, per la formazione di una nuova sinistra radicale in America.
Qual è la sua lettura della grave situazione economica americana, paragonata alla depressione degli anni Trenta?
La crisi economica è solo il sintomo della crisi finanziaria profonda del sistema capitalista americano che si protrae da oltre vent'anni. Le soluzioni adottate dal governo sono mirate a tamponare i sintomi, ma non a sanare i guasti né le cause strutturali che hanno determinato questo meltdown dell'economia.
Che cosa non ha più funzionato?
L'esplosione della bolla dell'intero sistema finanziario americano, così come in parte in Europa occidentale, è la conseguenza dei seguenti fattori: una politica economica di massiccia deindustrializzazione; la deregolamentazione del mercato e l'assenza di limiti e controlli da parte istituzionale. Questo è stato l'andamento dall'era Reagan in poi. L'economia americana, e penso valga anche per l'Europa, ha mirato alla creazione di capitale fittizio, non legato all'economia reale. Le banche hanno distribuito carte di credito a chiunque fosse stato disponibile ad incentivare i consumi, che oggi ammontano al 72 per cento del Pil. L'indebitamento di una intera fetta della classe media americana e la scomparsa progressiva dei lavori di produzione interna agli Usa, rimpiazzata da una economia di servizi dal salario dimezzato, tutti questi elementi hanno mandato in tilt l'intero sistema fiscale americano e conseguentemente l'intero sistema economico.
Il governo è intervenuto con 750 miliardi di dollari per salvare il sistema bancario. Quali saranno le conseguenze per milioni di cittadini tassati, ma sul lastrico?
L'obiettivo è salvare il sistema finanziario dalla bancarotta. Si persegue una politica monetaria e non fiscale a discapito della «middle class». Gli ultimi dati parlano di ben 37 milioni di americani sotto la soglia di povertà e, si prevede, la cifra salirà a 50 milioni. Stiamo vivendo un replay della politica economica instaurata durante gli anni Venti dai «Robber Barons». Le conseguenze sono la decimazione di decine di migliaia di posti di lavoro in tutti i settori, con una disoccupazione destinata a salire all'11% in futuro e una discesa vorticosa dei consumi.
I governi europei invocano il ripristino di forti regolamentazioni del mercato. Qual è la posizione degli Usa?
Da parte del governo non c'è alcuna intenzione né volontà di tornare a imporre nuove regole al mercato, contrariamente a quanto accade in Europa dove esiste in parte ancora un'idea di «contratto sociale».
Il presidente Obama promette limiti al processo di deregolamentazione. Ci sarà un nuovo new deal?
Obama adotterà delle misure correttive al sistema economico, ma sarà troppo poco e troppo tardi. Il progetto di programmazione economica promesso non è sufficiente per invertire la spirale negativa della grave situazione economica.
Ritiene quindi illusorie le aspettative di chi auspicava un cambiamento strutturale della societa americana con minori iniquità e più giustizia sociale?
Gli Stati uniti perseguono una politica monetaria e non fiscale con massicci investimenti nel settore delle infrastrutture fatiscenti, aumento dei sussidi di disoccupazione, dell'assistenza sanitaria, dell'educazione e soprattutto una politica del pieno impiego. Ritengo che questo continuerà con Obama. E' una politica economica che risale alla presidenza di Nixon e alle misure che, nel l971, abolirono gli accordi di Bretton Woods: abbassamento dei tassi bancari per attrarre capitali esteri; interventi di aiuto alle banche e alla General Motors. Modificare questa posizione significherebbe ammettere il fallimento del sistema capitalista. Negli ultimi sessanta anni, anche se il sistema capitalista era in declino, attraverso un'economia dalla base fittizia è riuscito a incrementare in maniera esponenziale i consumi. La massa si è illusa di poter soddisfare i propri bisogni essenziali, al punto che persino le forze alternative di sinistra non potevano assumersi il ruolo anticapitalista, perché si scontrava con la percezione generalizzata, anzi globalizzata, che il sistema funzionava.
In questo contesto fallimentare che può fare Obama?
Il trend generale della posizione americana non sarà il new deal di Roosevelt. Richiederebbe un intervento programmatico, investendo tutti i 750 miliardi di dollari serviti per salvare le banche, nelle infrastrutture del sistema. Invece l'utilizzo delle nostre tasse serve per continuare ad oliare la politica monetaria del sistema. L'elezione di Obama rappresenta una ventata di sollievo dagli anni bui di Bush, ma un Democratico a guida del paese non è detto significhi un'opposizione radicale al sistema vigente.
Perché pensa questo?
I leader preposti ai dicasteri e già scelti da Obama sono gli stessi che rappresentano le posizioni di centrodestra del partito Democratico, in continuità con la deregolamentazione perseguita da Clinton. La spinta per un vero cambiamento strutturale non ha rappresentanza istituzionale, sebbene nella società civile esistano vari movimenti alternativi molto attivi.
Per la sua esperienza personale lei conosce bene i sindacati, che ruolo avranno?
La prospettiva dei sindacati americani oggi è quella di andare a braccetto con gli stessi datori dell'industria. Sono tornati alla vecchia posizione di collaborare con l'industria, né più né meno di quanto avveniva negli anni Venti. Si sono trasformati in «Company-Unionism», come di diceva in quel periodo. Di fatto il 40 per cento della classe operaia dello stato dell'Ohio industriale si era schierato inizialmente per Mc Cain non per Obama.

venerdì 2 gennaio 2009

ancora sul macello di Gaza

Gad Lerner (link e link)
Gideon Levy again (link)
Joseph Halevi (link)
Mustafa Barghouti (link)
Richard Falk (link)
Dennis Kucinich (link)
Nir Rosen (link)
zia Dacia (link)
Mario Badino (link)
Neve Gordon e Jeff Halper (link)
Fulvio Grimaldi (link)
Michel Warschawski (link)
il compagno Ran HaCohen (link)
gli ebrei contro l'occupazione (link)
un altro di quelli che in Israele chiamano mentsch, il nipote di Netanyahu (link)
altri ebrei con le palle cubiche, sicuramente più cazzuti dei vigliacchi che bombardano Gaza senza rischiare nemmeno i colpi di una contraerea inesistente (link e link)
la lobby ebraica "liberal" negli USA (link)

insomma, c'è un fronte pacifista ebraico enorme, e praticamente nessun partito che lo supporta, visto che persino il Meretz è per la guerra (e infatti ha imbarcato la trimurti pacifinta Oz, Grossmann, Yehoshua, quelli che "la guerra è brutta brutta ma il nemico è cativo cativo per cui ci tocca essere a favore, ma noi siamo taaaaanto pacifisti"). Restano solo i compagni di Hadash.